Mariolina Bencivenga – Sono di Acerra ma non mi piace Pulcinella

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Salvatore si tastò la testa. Era liscia, come la mela che stringeva in mano. Gliela aveva data Susanna, l’infermiera di turno, prima di lasciarlo. Lo salutava tutte le sere con un bacio ed una mela trafugata chissà come, …. chissà dove.

…buona notte Salvatò, e fai sogni belli che me li racconti domani mattina. Gli sussurrava, dopo averlo baciato sulla fronte.

Mariolina Bencivenga – Sono di Acerra ma non mi piace Pulcinella – vesuvioweb

 

…ma tu, vieni domani? Rispondeva Salvatore nel dormiveglia, intravedendo nel buio, il sorriso dolce di Susanna.

….è certo che vengo,… e se non vengo io, st’ospedale chi lo manda avanti?

E rideva un’altra volta, piano piano, rimboccandogli le lenzuola e solleticandogli sotto il collo. Salvatore rideva un po’, e poi chiudeva gli occhi. Ma la mela di Susanna, se la teneva stretta, carezzandola come una palla preziosa,sotto le lenzuola. Nel silenzio in cui piombava la corsia, dov’era ricoverato da tre giorni, ogni sera Salvatore sollevava le lenzuola e si portava la mela che gli lasciava Susanna, sotto al naso, per aspirarne avidamente il profumo. Quello della mela, era l’identico profumo di casa sua e gli apriva il cuore…. Si, casa sua,…lì, ad Acerra.

 

Aggiungi un commento