Michele Langella – Brandelli di un’antica favola

Inserito da: · gennaio 17, 2012

Credo che la mia sia stata una delle ultime generazioni che ha avuto l’opportunità di ascoltare le favole raccontate dalla nonna, quelle che noi
chiamavamo i cunti, i fattarielli. Rivedo me bambino di cinque o sei anni nella stanza in penombra, seduto su uno sgabello, uno scannetiello, assieme a mio zio Armando, allora ragazzino, accanto al braciere di ottone alloggiato su una pedana esagonale di legno. Quasi ipnotizzato dalla brace che occhieggia tra la cenere, sono intento ad ascoltare la voce di mia nonna Carmela che nel frattempo sferruzza con l’uncinetto o rammenda calzini.

Michele Langella – Brandelli di un’antica favola – vesuvioweb

 

 

Anche zia Nina lavorando la lana ascolta attenta anche se è l’ennesima volta che sente lo stesso racconto e il silenzio, per niente scalfito
dalla voce della nonna, è invece graffiato qua e là dal rumore delle pentole proveniente dalla cucina dove mia madre Margherita sta preparando la cena e questo fa sobbalzare mio fratello Nello, poco più che neonato, che se la dorme tranquillo cullato dalla voce della nonna che, solo in alcuni passi del racconto assume toni più concitati.

 

Aggiungi un commento