1 A menàida – A mpustata

Inserito da: · gennaio 21, 2012

Oggi è domenica. Bella fresca, e ho voglia di andare abbasciammare. Dalle scale della Ripa vedo già l’impalcato dell’ardare ’i fravica in costruzione. La cancellata della ferrovia è aperta e non devo aspettare che passi il treno, oppure fare il giro pe ssott’û ponte ’i gavino. Mi fermo a salutare Aniello, il figlio di Gennarino a fungella, che sta spiccianno i cliénti nel negozio, aperto solo mezza giornata di domenica. Vado verso il mare, passando tra il palazzo di ron Marianno u prèvete e quello della scuola elementare, dove c’è il munazzè di mast’Aniello u nasillo. Passo di lato all’ardare e arrivo ammontuscaro…

Nino Aprea e Salvatore Argenziano – A menàida – A mpustata – vesuvioweb

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La marineria di Torre del Greco

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    F. – S. A. per http://www.vesuvioweb.com
    N. Aprea – S. Argenziano. 01 – A mpustata. 8
    Benerico chella terra ca t’ha crisciuta.
    Benerico chilla serra29 ca t’ha secata.
    Benerico chella chianozza30 ca t’ha allisciata.
    Ad ogni frase i presenti, a capo chino, rispondono in coro:
    Beneritta.
    Asperge vino e poi si accosta alla ruota di poppa e recita:
    Benerico chillu ciévezo31 ca t’ha pasciuta
    e cchillu chianuzziello stuorto ca t’ha attunnata.
    Si sposta verso prua, fermandosi là dove a ròta ’i poppa si attacca alla chiglia.
    Pone la mano sulla giunzione e recita:
    Benerico chesti ppalélle ca v’hanno nzurate
    e cchisti pierni attone ca v’hanno azziccate
    Prosegue verso la prua e stringe con le due mani la ruota di prora. come per una
    vibrante raccomandazione e recita.
    Benerico sta bella ròta ’i próra
    ca sempe a via ’i terra,
    sempe priata,
    ha dda pigliá.
    Te benerico. …………………siiiiiiiii Salvarooooo **in nome di tutti i pescatori di marina grande di Sorrento………Te benerico!!!!con le lagrime agli occhi…paisaaaa

Aggiungi un commento