Paolo Campanelli – Introduzione allo studio delle fasi evolutive di una Ecclesia di Cristiani Primitivi nell’Ager Vesuvianus

Inserito da: · gennaio 8, 2012

Le possibilità di ampliare le conoscenze delle fasi evolutive del Cristianesimo Primitivo in Occidente, sinora sono risultate piuttosto li-mitate a causa della incerta documentazione disponibile su questo spe-cifico argomento. I riferimenti storici che provengono dal Nuovo Te-stamento e da notizie fornite da scrittori coevi risultano, in genere, poco attendibili a causa della prudenza e della grande riservatezza con cui Primi Cristiani si riunivano per condividere l’amore fraterno e per svol-gere riti di una religione che la legislazione romana giudicava Superstitio Illicita.

 

Oplonti - Villa A. La sala del tripode.

 

 

Paolo Campanelli – Introduzione allo studio delle fasi evolutive di una Ecclesia di Cristiani Primitivi nell’Ager Vesuvianus – vesuvioweb

 

Il riconoscimento del Codex Vindobonensis 324 come “Manifesto del Missionarismo Apostolico”, redatto dalla Curia Vaticana in forma criptata all’inizio del III secolo, ci consente, però,di colmare parte degli spazi vuoti presenti nel mosaico che illustra i primi passi del nuovo sen-timento religioso in Occidente. Sono preziosi i tasselli relativi alla grande missione di evangelizzazione compiuta da Paolo di Tarso, opera pressoché sconosciuta. L’Apostolo delle Genti compare in maniera anomala nello scenario religioso creato dalla predicazione di Gesù nella Palestina. Come noto, dopo l’ascensione al cielo di Gesù i suoi discepoli iniziarono, in ogni Provincia dell’Impero, a diffondere gli insegnamenti appresi vivendo continuamente a contatto con il Messia.

”Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli “(Mt 28,19)” e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino ai confini della Terra” (At 1,8) Paolo non faceva parte di questi testimoni diretti della “Missione” di Cristo; a lui, tuttavia, gli esegeti biblici attribuiscono, concordemente, l’istituzionalizzazione del “Credo Cristiano” e la parte più significativa dell’Evangelizzazione dell’ecumene. A tale proposito c’è da dire, però, che gli Acta Apostolorum e gli scarsi documenti pervenutici ci consentono di delineare solo in parte la sua figura di missionario; inu-tile cercarvi, infatti, dati certi per storicizzare l’intero arco di tempo compreso fra l’ arrivo di Paolo a Roma e il suo martirio.

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

Aggiungi un commento