Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – La Tiorba a Taccone Poledora Sberneglio dalla Quarta Canzone della Corda Settima

Inserito da: · Gennaio 12, 2012

L’avventura di Poledora Sberneglia è tratta dalla Quinta Canzone della Corda Settima della Tiorba a Taccone.

Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – La Tiorba a Taccone Poledora Sberneglio dalla Quarta Canzone della Corda Settima – vesuvioweb

 

L’argomento della Canzone è l’invidia ed è dedicata A Scerocco Ca la ’mmidia roseca e ’nnetteca le perzune (A Scerocco che l’invidia rode e rende tisico) L’estratto che segue comprende le prime due strofe, che introducono il racconto e le strofe dalla decima alla trentesima, che narrano la vicenda di Poledoro Sberneglia. Dalla terza strofa alla nona, il poeta sviluppa le sue considerazioni sull’invidia.

%3C/strong%3E">

 

Questo articolo si trova in: ----- Felippo Sgruttendio de Scafato, 00 In Rilievo

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    Dicette pe la ‘mmidia, e che scriasse!:
    “Commare, e comme faie tu la baggiana?
    Che fuorze sì pottana?
    Chisse so’ troppo sfuorgie e troppo schiasse.
    Tu non vieste ordenario;
    Vì ca pe no cornuto volontario
    Marìteto ‘n galera, affé, ghiarrà,
    E da sta chiazza cca
    (Perché, commare mia, iette gran fieto)
    Bello te sentarraie mo no sfràtteto”.
    A Poledora cadìje travo ‘ncuollo
    Quanno sentette di’ tanta ‘mmecidie,
    E disse: “So’ le ‘mmidie,
    Commare, e non m’ agg’ io rutto lo cuollo,
    Ca songo stata sempe
    Na femmena ‘norata a tutte tiempe;
    E s’ io sti sfuorgie pozzo fare, e cchiù,
    Sienteme perché, tu”.
    E cossì le contaie quanto socceze
    Ed ogne ncosa qualemente ieze.
    e che si dileguasse!
    vanitosa
    troppi sfarzi e troppo scandalo.
    cornuto consenziente……………..hanno le parole un senzzo che a mia visione ****Hanno un doppio significato****————argomento della Canzone è l’invidia ed è dedicata A Scerocco Ca la ’mmidia roseca e ’nnetteca le perzune (A Scerocco che l’invidia rode e rende tisico) L’estratto che segue comprende le prime due strofe, che introducono il racconto e le strofe dalla decima alla trentesima, che narrano la vicenda di Poledoro Sberneglia. Dalla terza strofa alla nona, il poeta sviluppa le sue considerazioni sull’invidia………….
    ….Molto interessante ,le immagini postate bellisime,fanno corona

Aggiungi un commento