Vincenzo Pepe – Lingua e Dialetto

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Un populu, diventa povero e servu, quanno ci arrobbanu a lingua addutata di patri: è persu pi sempre. Diventa poviru e servu, quannu i paroli non figghianu paroli, Un poviru, c’addatta nte minni strippi da matri putativa, chi u chiama figghiu pi nciuria. Nuàtri l’avevamu a matri, nni l’arrubbaru; aveva i minni a funtani di latti e ci vippiru tutti,/ ora ci sputano.

Vincenzo Pepe – Lingua e Dialetto – vesuvioweb

 

[Un popolo, diventa povero e servo,/ quando gli rubano la lingua/ avuta in dote dai padri:/ è perduto per sempre./ diventa povero e servo,/ quando le parole non figliano parole…/ Un povero, che poppa nel seno arido/ della madre putativa,/ che lo chiama figlio per ingiuria./ Noi l’avevamo la madre,/ c’è stata rubata;/ aveva le mammelle a fontane di latte/ e ci bevvero tutti,/ ora ci sputano.]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vincenzo Pepe

Aggiungi un commento