Oplontis – La villa B di Aniello Langella

Inserito da: · febbraio 15, 2013

La Villa B di Oplonti

Di Aniello Langella 

                       La villa B è speciale! Non lo dico io, ma il complesso A e B sono di fatto la testimonianza più rappresentativa del modello di villa romana nel complesso e vasto mondo romano. Questo è un luogo dove si percepisce in maniera diretta la grande opulenza e si tocca con mano il censo, la ricchezza. E questo non tanto perché si possono osservare e magari toccare le perfezioni e gli equilibri artistici dell’epoca, quanto per la straordinaria conservazione di una vera e propria industria con annessa abitazione….

Aniello Langella – La villa B di Oplonti – vesuvioweb – 2013

___

Galleria delle immagini di Massimo Gravili

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

Discussione3 Comments

  1. maria ha detto:

    ……….come sempre “eccellente ”
    grazie per farmi entrare con voi”tre”nella villa Oplontis*grazie anche a Pina per sapere scoprire il valeroso scrigno dei cosmetici per le donne!!…..

    ——mi fermo su gli scheletri:si …si caro Aniello hanno l’impronta di stare accovacciati per la paura ,l’angoscia del finale terribbile……anche la pevera mucca…..poverina !a subbito lo stress che ora se n´’e parla ,che subbiscono le mucce che intuiscono che vanno al macciello…..infine,complimenti per il bel laboro.
    grazie infinite
    baci,saluti
    Maria

    • admin ha detto:

      Ti spiego la posizione di quegli scheletri. In alcuni studi degli archeologi e in altri di due antropologi si asserisce che il decesso fu istantaneo. Le nubi ardenti che scesero dal Vesuvio a circa 400 km. orari avevano una temperatura di circa 500° centigradi. Così questi antichi abitanti di Oplonti non ebbero nemmeno il tempo di pensare, di riflettere. Ho studiato anch’io e a modo mio alcuni scheletri di Ercolano e tre di Pompei. A me pare che quella posizione sia invece di difesa. Io ritengo che investiti dal poderoso getto termico, esalarono senza accorgersi di quanto accadeva, ma parte del sistema autonomo di difesa (nervoso periferico muscolare) li portò ad una posizione vicina a quella fetale, raggomitolata, a volte acamatica. Questa è una postura che alcune volte serve a lenire il dolore e a difendere le prime vie aeree.
      Grazie comunque per i tuoi apprezzamenti.
      Anielo

  2. maria ha detto:

    ………aaaahhhh si,si come dici tu,quella temperatura di circa 5oo*centigradi ,tutti gli abbitanti di Oplonti non ebbero tempo ne a pensare………….

    ———-ritieni che esalarono senza accorgersi di quanto accadeva ,ma parte del sistema autonomo di difeza (nervo periferico muscolare) li porto a una posizione vicina a quella fetale,raggomitolata .Questa é una postura che alcune volte serve a lenire il dolore e a difendere le prime vie aeree—–

    ………Mi hai dato una lezione di medicina: di molta valuta per me*dato che dentro la mia ignoranza *non riusci a capire la furia delle nubi ardenti…..
    ——–Mentre che scrivo cerco di riflettere su gli scheletri,su i cadaveri si avverisce la frase **Il cadavere,lo Scheletro**parla**……. facendo gli studii in essi—-si puó capire il come ed il perché—-del decesso.——si puó sapere cnche la datta ……..
    ——Caro Aniello:mi viene alla mente Pompei***quella famiglia ed quel cane/¡¡/(lo ricordi? ***che si mostravano ai turisti negli Scavi di Pompei…..
    ——quisá perche i penzieri si confondono…nella mente ……

    **Infiniti ringrazii:per la buona volontá nel rispondere´portare un pó di luce ripensandoci ……….

    Maria

Aggiungi un commento