S’è strujuta ‘a cannela, di Michele Langella

Inserito da: · febbraio 1, 2013

S’è strujuta ‘a cannela  

di

Michele Langella

Michele Langella – S’è strujuta ‘a cannela – vesuvioweb 2013

… Di tanto in tanto, quando eravamo bambini, la nostra dolcissima nonna Carmela ci guardava con fare indagatorio e ci chiedeva se c’era stato qualcosa che ci avesse messo paura: “papà di ha sgridato?”, “sei stato spaventato da un cane?” ed anche se la nostra risposta era nega&va, la sera …

 

Discussione8 Comments

  1. Cosimo ha detto:

    “…mi farebbe
    immensamente piacere se tra le quattro persone che hanno
    avuto la pazienza di leggere queste mie righe, ci fosse
    qualcuno che conosce la formula…”
    Siamo di più, Michele. La tua perifrasi mi ricorda il Manzoni de “I promessi sposi”.
    Siamo più di quattro… almeno lo spero! 😉

    • admin ha detto:

      Grazie Cosimo. Michele mio fratello ci tiene molto a questo aspetto. E attendiamo con pazienza qualcuno che ci riporti alla mente le parole e i gesti del rito.
      Aniello

  2. maria ha detto:

    Amatissimi Michele –Nello:non sié spenta la candela….mai sispegnerá….restera accessa dentro dei vostri cuori—-una fiamma viva ardendovi sempre…..sarrá quella che nei momenti brutti vi donara pace …conforto ..serenitá……..
    ****Quella spenta é la materia…il caamice..il vestito.
    ****La fiamma vive ..vibra per sempre…anzii l’ardere suo sarra motore di energía pura ..finquando la memoria corra come in un fiume…lento ma in movimento continuo…

    *****Per sfuggire della paura****la debi affrontare ****adultamente—
    *****da bambino in cui la nonnina appare con tanto amore dicendoti delle formule che detta il suo cuore carico di amorebole ingenuitá””vale …vale molto!!guarda a che punto che sei un uomo !e lo ricordi …anzi stai cerchando la formula..benedetto sia …..il naso sente il profumo di menta aglio aceto per la scongiura!!!——–
    —-Michele non essere triste dai!!!la fiamma la porti dentro!!!sta con te non nel posto freddo del’ultimo luogo……Vive in te !!!…vibra sempre ma con letizzia con gioia ..lasgia da parte l’amara tristezza daiii…!!!!

    baci
    Maria

  3. marisa ha detto:

    Uno scritto che accora e coinvolge, profondamente umano nel cogliere quella che è, se vogliamo, l’essenza del distacco: il non potere più.
    Certo che esiste ancora il rito, dolce e consolatorio, del togliere la paura: negli anni ne sono stata talvolta oggetto (anche gli occhi secchi mi hanno tolto: pare che stessi inguaiata). Conosco una signora che “sa”, ma che, ovviamente, non può “dire”, pena la perdita del dono.

  4. maria ha detto:

    sai caro Michele:non basta sapere la formula****lésito sta nel’onda del pensiero***come la si dice—-la frase—-come il sentimento bien in sé impreso!!!l’impronta,di colei/ui ebbe in dono dalla grazia divina……..non vien data a caso….

    ——-I riti possono essere molti…
    ——-le parole i versi,le croci…….maaaaa….
    ——- é:il peso delle parole che detta il cuore ,l’amore per fare il bene…di colei ch’ébbe il gran dono di Dio…tutto il resto non conta(almeno per me).

    ****La nonnina Carmela era una delle tante “segnalate dal padre eterno”…come abrebbe detto mio padre.

    Amici serena notte
    Maria

  5. Casale Luigi ha detto:

    Torrese di Torre Anunziata.

    Si è conumata la cera, non il fuoco.
    Ricordo una epigrafe che la signorina “Rosmunda” fece scrivere sull’immaginetta commemorativa in occasione della fondazione del primo gruppo di giovani di Azione Cattolica nella nostra parrocchia, al Carminiello. Erano i primi anni 50.
    L’avrà ideata lei, sarà d’autore ? Ero troppo piccolo per pensare a ciò.
    L’ho sempre considerata anonima. Ma ne è significativo il senso.

    ” La fiamma si spegne se non la si comunica, la verità appassirebbe se non
    diventasse missione.”

    Ai figli resta l’eredità d’affetti …

    Luigi

Aggiungi un commento