Discussione8 Comments

  1. Cosimo ha detto:

    Interessante.

  2. Silvio Falato ha detto:

    Validissimo documento di una vita votata al sacrificio e resa ancora più difficile da una natura che alle avversità dell’ambiente marino accoppia quelle della vita montana. Complimenti.

  3. maria ha detto:

    Un interessante e affascinante viaggio tra la gente vesuviana e questa
    volta condotto, utilizzando solo un termine di ricerca: la donna.
    In fondo la figura femminile, nel modello di famiglia e nella cultura
    di questa terra, ha avuto un ruolo cardine. In ombra per tradizione, ma di
    spicco per sensibilità e determinazione. Un ruolo che le è stato ritagliato
    dalla stessa natura del territorio, della montagna che in fondo ha
    dettato per secoli le regole dell’evoluzione antropologica. Osservandola
    oltre il contesto storico, si scopre così che la figura femminile è
    un elemento forte della natura, apparentemente fragile, dominus con la
    gonnella. Un ruolo che da solo, tuttavia non basta a definirla nella sua
    complessità e nella sua straordinaria individualità

    ……….Gentilessima Marisa:brava nalla tua grande bravura…non solo come humano essere,ma come Donna—raggione ai *apparentemente fragile*!!!!maronnee…..fragile? gueee ma che dite? svagliate …non capite che nella *fragilitá *vi é il fuoco medelatore….Un Cristallo di Murano…guardate come il vetro entra nella fiamma ardente….i geni la modellano. …Poi ….si fa vita ed continua a gene-rare vitee.
    ****Ti vuole bene Maria ….grazie Marisa//grazie Aniello per l”edditoriale brillante come sempre. baci ..serena domenica,….a pranzo nu belle piatte é spaghetti…e diventi nu rreee.
    Maria

  4. maria ha detto:

    anche dopo la nascita dei figli. Quante volte, ripensando
    alle fatiche passate, narrò ai nipoti:” Io, cu ‘nu pere vuttavo ‘a
    connola (la culla) e ch’i mmane sceglievo ‘u curallo……
    ————-Marisa cara:mentre leggo…..mi pare sentire la voce della mia mamma,che raccontava **ai tempi della nonna*…..Mi domando —ma quanti sagrifici per codeste brave donne del 800..inizio 900..(…)sevivano solo a servire…sempre dietro….
    —–Come si svolse la vita nei giorni di oggi….
    ****con tanta tecnologia !!!é si sente di continuo la lamentella***Come sono stancha!!!!***anche si stanno sulla poltrona guardando le *notizei *carente di ciasqun spunto di …di niente soltanto ***fatti sporchi …***chiacchere***.
    Di mentre la bravura delle donne del cui tu ce ne parli…era al punto tale di zittire!!!
    ……..Carissima Marisa:vada Un ricordo di vero cuore a tutte *le donne**del’intero mondo……delle diverse nazionalitá **Le nostre BIS.NONNE—NONNE—MAMME
    lode e Lauro!! sonostate ed lo saranno per sempre le nostreMaestre nell’arte dell’essere Brave Nonne*brave Mamme…in un tempo ove la detta tecnologia si porta molto dello Humano.
    baci
    Maria

    • marisa ha detto:

      Grazie, Maria, grazie per avermi letto, con intelligenza e cuore di donna. Questo piccolo lavoro che feci tempo fa per i miei alunni(e soprattutto per le mie alunne) voleva proprio far conoscere delle persone, le donne, le nostre splendide MADRI che apparentemente non hanno lasciato traccia, nei libri di storia, nei nomi delle strade, nelle epigrafi, nelle memorie scritte di qualsivoglia genere, ma che sono stata la ROCCIA su cui sono state edificate la nostra città e le nostre case. Volevo comunicare loro l’orgoglio e l’impegno di essere donne e donne vesuviane, prepararle alle vita proponendo l’esempio di un quotidiano, immenso coraggio.
      Quelli delle nostre nonne e delle nostre mamme erano altri tempi ed altri destini, ma ti posso dire che anche oggi, in modi e forme diversi, le donne vesuviane si fanno onore. Un grande abbraccio, regina…degli spaghetti!!!

  5. ogni persona con i sui eventi trascorsi o subiti,con la sua cronstoria,costituisce una pagina della Storia della vita,del mondo e dei suoi eventi nel tempo …
    complimenti per chi raccoglie le foglie ingiallite dal tempo…R. Giallauria

Aggiungi un commento