La Villa Lauro Lancellotti a Portici, di Aniello Langella

Inserito da: · aprile 6, 2013

VILLE VESUVIANE 

La Villa Lauro Lancellotti a Portici, di Aniello Langella

“Viene appresso la superba Villa Lancello Principi di Lauro. Ella è delle più belle, delle più magnifiche e delle più ben tenute, che siano in Por ci. Il cor le del nobile Palazzo è tu o sparso di mezzi bus , statue, e teste di an ca , e moderna scultura assai belle ed a piè della scala una statua intera di an ca scultura maestosissima…”.

Il Palazzo – Villa Lancellotti di Portici – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2013

GALLERIA DELLE IMMAGINI 

Di Salvatore Esposito e Angelo Nocerino

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti

Discussione10 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Studio molto interessante. Complimenti.

  2. maria ha detto:

    ——-La galleria di Immagini straordinarie,grazie Salvarore Esposito//grazie Angelo Nocerino.
    ———-Tutto il resto,laboro brillante del caro dott.Aniello,grazie tante ,vorrei chiarire un sentimento che mi avvolghe….cosi leggendo,guardando….mi si opprime il cuore..un velo di tristezza che :mi riporta a tante domande ….perché tanta robina…..perche non viene “restaurato “cosi va perduta la nostra storia…..le immagini sfumate .logorate dal tempo…che tutto lo corrode—-aymeee anche l’uomo si sfuma …se né sta distante….io doloro….

    grazie cordiale saluto Maria

    • admin ha detto:

      Cara Amica di vesuvioweb, attenta lettrice dei fatti di questa terra. Palazzo Lancellotti è caduto, si è frantumato a terra in mille pezzi. Non è stato il Vesuvio a farlo andar giù, non un terremoto. Cosa fare? Nulla! Il nostro lavoro è quello di documentare. Cercare di dare testimonianza attraverso le immagini, la ricerca. Ti ringraziamo molto.

  3. Nadia ha detto:

    I miei complimenti al fotografo Salvatore Esposito perché queste foto rappresentano una testimonianza preziosissima soprattutto per le decorazioni pittoriche del salone cinese che, purtroppo, non era mai stato documentato dettagliatamente.

  4. Mario ha detto:

    Indubbiamente, questo è un lavoro coi fiocchi, complimenti al fotografo Salvatore Esposito. Questa “testimonianza” mi addolora molto, avere dei beni meravigliosi abbandonati a se stessi, all’incuria delle persone e del tempo, mi addolora molto. In questo paese (l’Italia) dove attualmente manca e vi è una forte domanda di lavoro, “potrebbe” essere un’idea assumere dei giovani per pulire, ricostruire e restaurare tante di queste opere abbandonate. Renderle produttive al punto da fornire una fonte di gudagno e reddito per chi vi potrebbe lavorare. Sensibilizzando attraverso l’informazione, il mondo multimediale a visitare questi luoghi ancora sconosciuto a gran parte dei cittadini del mondo. L’Ente Ville Vesuviane, attualmente ha N°121 ville vesuviane in carico, cosa fa? Che misure intende adottare “se le può adottare”? Forse non ci sono i fondi? forse i soldi sono pochi? Io sono sicuro che molte Nazioni sarebbero felici di avere quello che noi riteniamo… degli enormi problemi. Io sono un cittadino di Portici ma soprattutto del mondo, non ho viaggiato molto, un pò in Francia Jugoslavia Spagna e diverse città della nostra bella Italia. Vi assicuro che dovunque si intenda vedere musei, palazzi e scavi archeologici, si paga fior di quattrini, anche per le cose che a un occhio profano possono sembrare banali. Andiamo all’estero a visitare, senza conoscere appieno, o addirittura non conoscere affatto la nostra potenzialità in fatto di opere d’arti che offre e potrebbe offrire ancora di più il nostro paese. Mario, 07/05/2014.

    • admin ha detto:

      Grazie per aver commentato questo lavoro. Ma leggo con rammarico che chi ha documentato “con i fiocchi” (come asserisce lei) non viene neppure citato. Ma il lavoro del fotografo è nullo se non c’è il commento, la ricerca storica e tutto il resto. Non mi faccia complimenti adesso. E’ fuori tempo. Aniello Langella, Direttore Responsabile di Vesuvioweb.

  5. pier ha detto:

    chisa’ cosa direbbe la principessa Oggi della sua Villa…….. vorrei sapere se qualcuno ha avuto il piacere di conoscerla so che era una donna molto ma molto buona… del suo palazzo sono stato sempre affascinato sin da piccolo, peccato la fine che abbia fatto,complimenti per le foto…. ottimo lavoro…

  6. Laura Marino ha detto:

    Dott. Aniello, il suo studio è davvero interessante.
    Esistono anche fotografie delle decorazioni di soggetto islamico?
    Grazie

    • Vesuvioweb ha detto:

      La ringrazio. Il nostro Portale cerca di sviluppare in senso generale e sovente nel dettaglio quegli aspetti della cultura vesuviana che spesso sono destinati a morire per sempre. In merito al Palazzo Lancellotti, le dirò che abbiamo in corso un altro studio. Abbiamo recuperato immagini e anche alcune planimetrie del complesso. Spero di pubblicare presto questo materiale. Intanto mi dica: lei è iscritta al nostro Portale? Ha bisogno di elementi e spunti particolari in relazione al tema trattato? Mi faccia sapere. Aniello Langella

  7. nicola forte ha detto:

    Il crollo di “Villa Lauro Lancellotti” a Portici. La casa in cui sono nato.
    18 marzo 2011 alle ore 20:07

    Che commento può fare una persona che
    nel giorno del suo 67° compleanno assiste al crollo di “Villa
    Lauro Lancellotti” edificio in cui è nato a pianterreno nel
    terzo vano a sx del portone., è tristezza assoluta.
    Vivevo nella speranza che la Villa, facente parte del famoso “Miglio
    d’oro” delle ville vesuviane, venisse restaurata. La famiglia di
    mia madre era al servizio del Principe Lancellotti.

    Lì ho trascorso la mia infanzia tra il
    parco con le sue piante rarissime che dava sul mare con un
    meraviglioso chiostro (Caffè house), le scuderie adibite a garage dove il Principe
    d’estate arrivando da Roma per passare le vacanze estive
    metteva la sua fiammante auto Lancia scoperta, i saloni dei piani
    superiori dove si davano le feste, con affreschi e quadri di artisti
    famosi.

Aggiungi un commento