01 – Giovan Battista Basile – LO CUNTO DE LI CUNTI

Inserito da: · giugno 15, 2013

Lo cunto de li cunti

Antuono de Marigliano, ped essere l’arcifanfaro de li catammare cacciato da la mamma, se mese a li servizie de n’uerco, da lo quale volenno vedere la casa soia è regalato chiù vote, e sempre se fa corrivare da no tavernaro; all’utemo le da na mazza la quale castiga la ’gnoranza soia, fa pagare la penetenza all’oste de la furbaria e arricchisce la casa soia……

http://www.bibliotecaitaliana.it/xtf/view?docId=bibit000652/bibit000652.xml

CUNTO1

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Letteratura napoletana del 1600

Discussione1 Comment

  1. maria ha detto:

    SCOMPETURA DE LO CUNTO DE LI CUNTE PE CHIUDETURA DE LA ‘NTRODUZZIONE DE LI TRATTENEMIENTE CHE SARÀ PE LO TRATTENEMIENTO DECEMO DE LA IORNATA QUINTA.

    Conta Zoza la storia de li guaie suoie: la schiava, che se sente toccare li taste, fa fuorfece fuorfece azzò no scompa lo cunto, ma lo prencepe, a despietto suio, lo vo’ sentire e, scopierto lo trademiento de la mogliere, la fa morire prena e bona e se piglia Zoza.

    Stettero tutte arecchie pesole a sentire lo cunto de Ciommetella e parte laudaro lo sapere co che l’avea contato, parte ne mormoraie tassannola de poco iodizio, che non doveva ‘m presenzia de na prencepessa schiava spubrecare li vituperie de n’autra simele e decevano che s’era posta a no gran riseco de sconcecare lo iuoco.

    Ma Lucia fece veramente da Lucia, cernennose tutta mentre se contava sto cunto, che a l’arteteca de lo cuorpo se conzideraie la borrasca c’aveva dintro a lo core, avenno visto dintro no cunto de n’autra schiava lo retratto spiccecato de le marcancegne soie ed, avenno fatto scacare subeto la scommerzione, ma parte perché non se poteva spesare de li cunte, tanto fuoco l’avea puosto ‘n cuorpo la pipata, comme lo tarantato non se pò spesare de li suone e, parte pe non dare materia a Tadeo de sospettare, se gliottette sto veluocciolo co penziero de farene a tiempo ed a luoco no buono resentemiento.

    Ma Tadeo, che l’era trasuto ‘n grazia sto spassatiempo, azzennaie a Zoza che decesse lo suio; la quale, fatto la crianza soia, decette: «La verità, signore prencepe, fu sempre mamma dell’odio e però non vorria che l’obedire a li commanne vuostre offennesse quarcuno de chiste che stanno ‘ntuorno, perché non essenno usata a fegnere ‘menziune ed a tessere favole so’ costretta e pe natura e pe accedente a dire lo vero. E si be’ dice lo proverbio piscia chiaro e fa la fico a lo miedeco, tutta vota sapenno ca la verità non è recevuta a la presenzia de li principe, io tremmo de dire cosa che ve faccia fuorze ‘nfomare».

    «Dì chello che vuoi», respose Tadeo, «ca da ssa bella vocca non pò scire cosa si no ‘nzoccarata e doce». Ste parole foro pognalate a lo core de la schiava e n’averria mostrato signale si le facce negre comme le ianche fossero libro dell’arma e averria pagato no dito de la mano ad essere diuna de sti cunte, perché lo core l’era fatto chiù nigro de la facce e, dubitanno che lo cunto passato non fosse stato primmo annunzio e po’ malanno, da la matina se ‘nzonnaie lo male iuorno.

    Ma Zoza, fra sto tiempo, commenzaie a ‘ncantare li circostante co la docezza de le parole contanno da lo prenzipio a lo fine tutte l’affanne suoie, commenzanno apunto da la naturale malanconia soia, ‘nfelice agurio de chello che doveva passare, portannose da la connola la ‘mara radeca de tutte le male sciagure, che co la chiave de no riso sforzato la sforzaro a tante lagreme; secotaie dapo’ la iastemma de la vecchia, lo pellegrinaggio suio co tante angosce, l’arrivata a la fontana, lo chiagnere a vita tagliata, lo suonno tradetore causa de la roina soia.

    La schiava, sentennola pigliare larga, e tira, e vedenno la varca mal’abbiata, gridaie: «Stare zitta, appilare, si no punia a ventre dare, e Giorgietiello mazzoccare!». Tadeo, che aveva scopierto paiese, non appe chiù fremma, ma, levatose la mascara e iettanno la varda ‘n terra, disse: «Lassala contare fi ‘m ponta, e non fare chiù ste levate de cappa de Giorgetiello e Giorgione, ca all’utemo no m’haie trovato sulo e si me saglie lo senapo meglio che te pigliasse rota de carro!». E, commannato a Zoza che secotiasse a despietto de la mogliere, essa, che non ne voze autro che lo zinno, secotaie la trovata de la lancella rotta, lo ‘nganno de la schiava pe levarele da le mano sta bona fortuna e, cossì decenno, scappaie a chiagnere de manera che non fu perzona llà presente che stesse saudo a le botte.

    Tadeo, che da le lagreme de Zoza e da lo selenzio de la schiava, ch’era ammotuta, comprese e pescaie la verità de lo fatto; e, facenno a Lucia tale lavata de capo che non se saria fatto a n’aseno, fattole confessare de vocca propia sto trademiento deze subeto ordene che fosse atterrata viva, co la capo schitto da fora, azzò fosse chiù stentata la morte soia ed abbracciato Zoza la fece onorare comm’a prencepessa e mogliere soia, facennone avisato lo re de Valle Pelosa che venesse a ste feste e co ste nove nozze terminaie la grannezza de la schiava e lo trattenemiento de li cunte e buon prode ce faccia e sanetate, ch’io me ne venne a pede a pede co na cocchiarella de mele
    …………………

    grazie eccelente laboro per colui che leggendo fara il pizzo arriso………

Rispondi a maria

Cancella risposta