Antichi mestieri di una Napoli che non c’è più – Di Raffaele Bracale

Inserito da: · ottobre 18, 2013

Gli antichi mestieri di Napoli

Di Raffaele Bracale

…’O sapunaro, ‘A capera, ‘A lavannara, ‘O cenneraro, ‘O ventrajuolo, ‘O carnacuttaro…

 …Come ò détto si trattava d’una pettinatrice che girando casa per casa,basso per basso, terraneo per terraneo,non si limitava a pettinare le sue clienti ma amava riportare sussurrando ai loro  orecchi tutti i fatti soprattutto  se piccanti  appresi in altre case, per cui la capera era a tutta ragione  considerata la pettegola del quartiere, quella per antonomasia. Va da sé che le  notizie, apprese in gran segreto, circolavano súbito, diventando di dominio comune. Capera s.vo f.le = in primis; 1 pettinatrice, parrucchiera, acconciatrice; 2 per traslato = pettegola, persona che à l’abitudine di fare e scambiare chiacchiere sul conto degli altri, riportando indiscretamente e con malevolenza fatti privati altrui e abbandonandosi con gusto ad allusioni e commenti maliziosi…

icona mestieri vrennajuolo1

Raffaele Bracale – Antichi mestieri della Napoli di un tempo – vesuvioweb 2013

 

Discussione3 Comments

  1. maria ha detto:

    ..Don Raffaele:la lettura mi fecce sorridere ,le frasi in dialetto mi ri-portarono ad un tempo che fuuuu…..
    —-Il dialetto napoletano mi da un senzzo di canto…di dolcezza tanto gradevole che inizia il riso.si,si la cantica bella con tono musicale che trasporta l’udito el profondo ,ove ?ad esempio nel profondo del mare vi ci’ ´´e la luce(vogliodire)la puerezza verbale che madre natura ci dona…Leggere il dialetto fa parte di una terepya psicologica sedante ……..come in questo instante viaggio oltre l’oceano ed mi siedo sorridendo nella bella lettura di Antichi mestieri di un tempo….Lei Don Raffaele li porta a*galla*….

    grazie(mi conti fra i suoi ventiquatro lettori….faciamo venticinque …le pare?jaja

  2. Armando Torre ha detto:

    Saluti a tutti Di Vesuvioweb da Armando Torre scrivo poesie su cose di Napoli
    Che riguardano la mia fanciullezza a Napoli i miei ricordi di porta Capuana
    Scrivo della Napoli che fu’ ed aggiungo la mia poesia in rima bianco e nero
    Da giovane a Napoli ebbi modo di conoscere in persona Eduardo de Filippo
    E sua sorella Titina sempre andavo alle sue mostre d’arte , Lei faceva quadretti
    Di carta colorate rintagliata ch’era dei veri gioielli su soggetti Napoletani con
    Carrozze e cavallini trottanti si parlava di tante cose, io essendo un devoto
    Ammiratore di entrambi loro due non facevo altro che essere consigliato.
    Scrivero’ altri soggetti in poesia letti in questa pagina. Cordiali saluti da
    Armando Torre

  3. Armando Torre ha detto:

    Tanti saluti a vesuvioweb da Armando Torre poeta Napolerano
    scrivo su facebook e il vostro sito spesso mi aiuta alle mie composizioni in Napoletano. Cordiali saluti Armando Torre

Aggiungi un commento