3 – La vìta de tatìll’e de mamélla – Marzo

Inserito da: · marzo 11, 2014

Di Silvio Falato

MARZO

E ddòppe pòke ke bbélle jernàte!                    E poco dopo che belle giornate!
Vàje qwàse ‘nnùte kòm’a ddént’astàte,          Vai quasi nudo, come in estate,
ma ékku ka re tjémpe gjà se ‘ngrògna,           ma ecco che il tempo già s’ingrugna,
zòmpene pe’ le frìdde màn’e ògna.                 saltano per il freddo mani e unghia.

03-La vìta de tatìll’e de mamélla – Marzo – Di Silvio Falato – vesuvioweb 2014

icona marzo1

Discussione2 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Bisogna tenere presente che la poesia è stata composta in un anno in cui la Pasqua cadeva nel mese di marzo.

  2. Marie ha detto:

    Gentile e caro amico Silvio Falato:se si potesse re-inventare parole contenute di admirazione verso il suo scritto la sua edditoriale **ne sarei fiera**purtroppo debbo mettere le solite***Brillante***mostra di amore verso la sua redice generosa ed amabbile nei confronti su questi ricordi di Tatille e mammella..
    con affeto sincero
    Maria

Aggiungi un commento