45 – Pillole Linguistiche Napoletane – Presenza, scrittura e pronunzia delle vocali evanescenti

Inserito da: · giugno 14, 2014

Di

Carlo Iandolo

… In genere, nell’interno di parola il riconoscimento delle imprevedibili vocali evanescenti trova avvantaggiato l’istinto dei Napoletani, che colgono sempre l’esattezza della pronunzia. Tuttavia, in linea di massima, soltanto “a , u” (meno
puntualmente l’originario segno “i”, di rado anche “u”) conservano il loro autentico suono pieno…

icona pillole 45a

45 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Le vocali evanescenti – vesuvioweb 2014

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

Discussione7 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    L’articolo è di una preziosità notevole, in quanto coglie pienamente tutti i diversi destini della vocale atona nella lingua napoletana. I tanti esempi riportati possono essere oggetto di comparazione molto utile per uno come me che è alle prese con un dialetto di area gallica in cui, al di fuori della “a”, tutte le vocali atone tendono a diventare mute; e spesso è una fatica enorme andare a individuare la vocale originaria. Se poi aggiungi che abbiamo una “i” tonica di provenienza osca, che in numerose condizioni diventa simile a una “e” molto stretta e vicina quindi allo “sceva’ “, si può capire quanto strani si presentino alcuni termini, che all’orecchio del profano sembrano essere costitituiti da sole consonanti. È il caso, per esempio, dell’aggettivo “livete” = livido, che, siccome ha una “i” strettissima (prepalatale) si pronuncia “lvt”. Chiedo scusa per la digressione e faccio i miei complimenti.

  2. carlo iandolo ha detto:

    Carissimo Silvio, sei sempre acuto e generoso, nonché preciso in certe comparazioni dialettali fra napoletano e il tuo prezioso “beneventano”. Colgo l’occasione per ringraziarTi e per abbracciarTi fraternamente — Carlo Iandolo

  3. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Chiare regole di grafia e di fonia delle vocali dialettali atone, ulteriormente semplificate dai numerosi esempi riportati a sostegno. Certamente sarebbe una fatica improba individuare e pronunciare correttamente le vocali atone, per un non napoletano. In realtà, come giustamente si fa notare, le vocali evanescenti non sono mute, e la loro pronuncia rende biascicata e prolungata la pronuncia della consonante cui è legata Napule (e= suono indistinto che evita il troncamento> Napul. Il che dimostra quanto siano in errore coloro che scrivono le parole dialettali eliminando, sic et sempliciter, le vocali evanescenti: ‘e ffenestelle > ‘e ffnstèll; pòpolo> pòpl. Mi associo ai complimenti di Silvio Falato.

    • carlo iandolo ha detto:

      Carissimo Giovanni, mi mancava il tuo commento, a cui hai aggiunto i tuoi generosi complimenti. Ti sono grato, sentendomi spronato a far sempre meglio: Un affettuoso saluto — Carlo Iandolo

  4. Marie ha detto:

    …………Caro proffessore :da farne una collana ,ingemmando-dole come coralli dal vesuviano mare………..

    grazie

  5. carlo iandolo ha detto:

    Carissima Sign.ra Maria, Lei è generosa e gentile come gli amici Silvio e Giovanni- Un fervido saluto — Carlo Iandolo

  6. Marie ha detto:

    …………proffessore,carissimo ne prendo una cosii al volo…..surdillino.

    appare .la strofa——“e quanne sente nu “surdillino”…dico “quet’eNannina cha sta parlann’eme
    pienzzeme coeme te penzze a te matine e sera
    ricordame pusiiileche,a litorania o vommere,e sciure a sole l’arie…
    ricordame a mamma ..e me nun te scurda

    ————La rigrazio Carlo sulamente surdillin….bravo!

Aggiungi un commento