Gli intonaci di Palazzo D’Elbeuf a Portici

Inserito da: · settembre 27, 2014

Gli intonaci di Palazzo D’Elbeuf

Di

Aniello Langella

 Il principe faceva scavare e disseppellire gli intonaci dell’antica Ercolano; li polverizzava e mescolandoli a calce e pozzolana li spalmava, come nuovo intonaco sulle pareti del suo palazzo al Granatello di Portici.

Indagine sugli intonaci del Casino D’Elbeuf a Portici.

icona palazzo d'elbeuf1

  Aniello Langella – Gli intonaci di palazzo D’Elbeuf a Portici – vesuvioweb 2014

L’idea di partire dallo studio palazzo del principe per giungere ad una conclusione piuttosto bizzarra quanto mai fuori da ogni logica, mi ha indotto a ricercare tra i testi della bibliografia quei riferimenti e quegli indizi utili a    condurre una modesta ma appassionante indagine.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura

Discussione4 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Bella ricerca, raccontata con grande semplicità, perché alimentata da tanto amore di argomento e da passione per gli studi del nostro passato. Complimenti e grazie.

    • admin ha detto:

      Grazie Silvio.
      Sei tu il maestro con i tuoi racconti dei mesi. Fatti di colori e di profumi. Io devo imparare. Ho bisogno di maturità

  2. marisa ha detto:

    Anche molti di noi, più o meno consapevolmente, sono impastati con la raschiatura di quei palinsesti che sono i nostri luoghi natii. Perciò leggere questa tua bellissima ricerca-narrazione intorno a una storia singolare, ci fa stare “nel nostro”, ci fa sentire a casa, perché la nostra casa è singolare, stra-ordinaria.
    Per quanto riguarda l’utilizzo privatistico delle opere d’arte, niente di nuovo. I potenti di allora, almeno, erano autocrati e spadroneggiavano su campagnuoli poveri e ignoranti “dans leur crudité”.
    Di quelli di oggi non voglio parlare, se (notizia fresca) perfino un Principe della Chiesa, amante del bello e dello… spazio, è stato gentilmente invitato a restituire due candelabri antichi sottratti ad una comunità parrocchiale e pervenuti per vie non limpidissime nelle sue mani.

    • admin ha detto:

      Grazie Marisa. Hai colto il senso di questo contributo. Come sempre sei capace di rendere a parole semplici concetti complessi. Proprio così: siamo fatti di quei marmi polverizzati.

Aggiungi un commento