Il caso Pietro Giannone – Storia dell’inquisizione a Napoli

Inserito da: · febbraio 12, 2015

L’inquisizione a Napoli e Pietro Giannone

di

Aniello Langella

Pietro Giannone autore dell’Istoria Civile del Regno di Napoli, viene inquisito, arrestato e costretto a rinnegare il suo scritto. Finirà i suoi giorni in carcere, lontano da Napoli.

Icona ppietro giannoneL’Inquisizione a Napoli – Pietro Giannone fu uno degli inquisiti – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2014

 

Discussione7 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Documenti preziosi che illuminano ampi tratti del nostro grande passato. Complimenti.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Giannone e l’inquisizione, uno dei tanti angoscianti episodi della vita politica e sociale della città di Napoli. Il triste ricordo di una pagina amara. Grazie Silvio.

  2. davvero un articolo interessantissimo. Grazie Aniello per quest’altra pagina amara fra le tante ancora più amare.

    • Vesuvioweb ha detto:

      La storia dell’inquisizione a Napoli si connota in maniera diversa dagli altri stati d’Europa. Eppure nelle fitte maglie degli aguzzini si incastrano anche anime liberali e nobili quali il Giannone. La sua requisitoria finale, l’atto di difesa è a dir poco commovente.
      Grazie Maria per il tuo commento

  3. giovanni ruotolo ha detto:

    La condanna a morte di Giannone fa da apripista a quello che sara’ un vero e proprio annientamento dell’intellighenzia meridionale, di quella borghesia imprenditrice ed illuminata che fu definitivamente decapitata nel 99 con tutte le conseguenze nefaste che ancora oggi condizionano il nostro Sud.

  4. Nel Sud gli intellettuali( pensatori,artisti,giuristi,teorici della politica,servitori dello Stato) che si sono messi contro il potere sono quasi sempre finiti tragicamente.Giannone rientra nella fitta schiera di spiriti illuminati che hanno pagato con la vita la modernità e laicità delle proprie idee.Siamo di fronte ad un personaggio lucido,di vasta cultura, generoso,eroico che andrebbe meglio conosciuto nella nostra scuola.Non si comprendono gli illuministi napoletani del secondo Settecento e quindi la Rivoluzione del “99”,senza tenere nel debito conto la grande lezione di Pietro Giannone.Con la preoccupazione di arrivare a trattare il Novecento,si sorvola con molta leggerezza su autori e pensatori di svolta della tradizione nazionale:la tendenza della nostra scuola negli ultimi decenni a sottovalutare il passato andrebbe contrastata; non giova alle future generazioni,pervase dalla cultura del presentismo…Giannone merita più attenzione e spazio da parte degli insegnanti di diritto, di storia ,di letteratura,di filosofia,come l’altro grande contemporaneo Giambattista Vico…. storico,letterato,giurista e costituzionalista

Aggiungi un commento