Il mare, il nonno ed io

Inserito da: · febbraio 26, 2015

Di

Aniello Langella

…  Il Leonardo era la barca da pesca del nonno che veniva gestita un po’ da tutta la famiglia. Zio Rafiluccio detto – ’i ciappa -, ne era il capitano, poi c’erano i pescatori addetti al vericello e alle reti, anch’essi imparentati, poi Pinuccio, mio cugino e altre due persone addette alla macchina e alla pulizia. Un equipaggio eccellente, che gestiva quel minuscolo guscio di noce in quel golfo pescoso e prodigo  …

icona nonno2

Il mare, il nonno ed io – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I fattarielli di Aniello Langella

Discussione10 Comments

  1. castellano antonio ha detto:

    Aniello Langella : grazie di cuore per aver messo a disposizione questo bellissimo racconto – ricordo di ; ho conosciuto personalmente Michele , Rafiluccio , Pinuccio e visto in opera Michele ,quando avanti negli anni ,continuava a tenere pulito il balcone di casa , che affacciava su discesa del fronte , in retromarcia secchio e straccio e ginocchi a terra come fosse ancora sulla sua paranza.

  2. giuseppina di vicino ha detto:

    I ricordi, teneri e affettuosi del racconto , testimoniano un cuore semplice non contaminato, immerso nella vita frenetica di oggi e quindi al passo coi tempi, ma legato alle tradizioni familiari custodite gelosamente. Bravo, amico mio caro. Sai bene come io ammiri il tuo modo di essere.

  3. Marie ha detto:

    Eravamo dietro Capri e l’isola si vedeva lontanissima, quando dalla buca del motore
    un grido o una parola urlata come si dice in gergo, diede il comando alla ciurma di
    gettare le reti.
    Il nonno che per tutto il viaggio aveva amoreggiato con tutte le cime della paranza,
    rivolgendosi a me e accompagnandomi per mano mi disse:
    “Guaglió statti cca dint’â cabbina e nnunn ascì ca mo vuttammo a rezza e che
    Ddio ce a manna bbona”. …………………………………
    ——–
    grazie caro Nello:—————-quanti ricordi!!!!

    • Vesuvioweb ha detto:

      Sono semplici ricordi di un mondo bello che lascia ancora la sua traccia profumata nella mente e soprattutto nel cuore
      Grazie Maria

  4. Marie ha detto:

    …….tevulimmebene…Nello

  5. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Molto bello il tuo racconto,ricco di pathos e di colori. Ho sempre avuto il sentore,infatti,che in quegli anni la luce fosse come piu’ calda e luminosa, e cosi’ il mare di un azzurro piu’ vivo,e tutti i colori come piu’ intensi. Anche le voci,nei miei ricordi, ho l’impressione che fossero piu’ armoniose. Forse e’ solo un’impressione, ma un giorno mi avvidi che la luce era divenuta piu’ fredda, piu’ livida….forse era solo terminata semplicemente la mia infanzia. Con simpatia

  6. marisa ha detto:

    Un racconto affatato, che sa di scabre rocce nere e di vento di prua bevuto a pieni polmoni, di antichi marinai che amano il mare, ma soprattutto lo rispettano perché sanno che per mare nun ce stanno taverne. Un racconto affatato, ma non edulcorato, nel ricordo,ad esempio, un po’ stupito della “danza della spernocchia”, che fa anch’essa parte degli eventi della giornata, come è giusto che sia.
    Memorie, affetti, ironia lieve, echi di parole antiche in una mescolanza sapiente che mi ha fatto sorridere e mi ha intenerita. Bravo, Nello!

    • Vesuvioweb ha detto:

      Cara Marisa, il più bel complimento lo ricevi spesso quando, riguardando ciò che hai fatto, ti accorgi di non aver dimenticato nulla ed io penso che in questo modesto contributo abbia fatto ciò. Ho tentato di non dimenticare il mare, la natura, la luce e gli uomini, fatti di cose semplici.
      Ti ringrazio molto

  7. Falato Silvio ha detto:

    Bellissimo tema di un bravissimo scrittore, rimasto nell’animo splendidamente bambino. Complimenti veri.

Aggiungi un commento