Discussione6 Comments

  1. Michele turco ha detto:

    Lucrezia D’Alagno, donna consapevole del potere del proprio fascino esercitato sulla debolezza maschile , come Cleopatra, Messalina, Lucrezia Borgia ed altre, capaci di sovvertire le sorti di un regno.

  2. Marie ha detto:

    ———–Le parole di pi´´u stanno!!
    grazie

  3. Serena Carme ha detto:

    A PROPOSITO DI LUCREZIA d’ALAGNO. Ho letto una dissertazione di Giovanni Ruotolo sulla storia d’amore che coinvolse la giovane Lucrezia d’Alagno e il re Alfonso d’Aragona. Sembra di entrare in una fiaba, gli elementi ci sono tutti : il re, la giovinetta, il castello, la casualità dell’incontro….eppure Giovanni, sa coinvolgere il lettore non solo nell’evolversi del sentimento che inebria i due personaggi, ma anche nel tessuto storico che fa da sfondo , con citazioni, date, situazioni che rendono verosimili gli eventi , in modo preciso, come è suo solito,e incisivo, Bravo, Giovanni, I miei complimenti, e davvero grazie per questi sprazzi di storia , per questo sguardo intenso al passato remoto del nostro territorio,. La conoscenza apre gli orizzonti della mente, se riguarda poi le proprie radici, spalanca quelli del cuore.

  4. luigi ha detto:

    Ho letto con molto interesse lo scritto di Giovanni Ruotolo sulla figura di Lucrezia d’Alagno. Lodevole anche il tentativo, anche se infruttuoso, di individuare i resti della sua abitazione, tra i vicoli Orto Contessa.
    Per quanto riguarda la presunta tomba di Lucrezia a Roma, mi sembra utile riportare un passo di R. Raimondo, da “UOMINI E FATTI DELL’ANTICA TORRE DEL GRECO”.
    “La tomba e la lapide ritenute sparite da secoli, non sono mai esistite, e l’epigrafe tramandataci è solo parto della fantasia di qualche buontempone”.
    Chiudo citando i versi di Edgardo Di Donna, ingiustamente ignorato, come molti altri torresi, tratti da “L’URDEMO LAMPIONE”.
    ‘Nce steva na vota
    na signurenella
    che avenno sentuto
    cuntà na sturiella
    d’o grano int’a testa
    che nasce e te fa
    sapè se te spuse
    vulette pruvà”……

    • Ruotolo Giovanni ha detto:

      Caro Luigi, Il buontempone che menzioni dovrebbe riferirsi nientemeno che a Benedetto Croce. Ecco, al riguardo, cio’ che narra circa la morte di Lucrezia:
      la tomba e la lapide sono sparite da tempo, ma i versi ci sono stati tramandati
      noscere si quaeris quaue……

      Avra’, don Benedetto preso una svista?

  5. Laura Noviello ha detto:

    Adoro Madama Lucrezia!! Ma è stato fallimentare anche il mio tentativo nel trovare i luoghi. non vi è nulla lì.

Aggiungi un commento