Discussione2 Comments

  1. Marie ha detto:

    ………Masaniello Pescatore…………..Lodato tu sia !!!
    ———————————————-non poteva non essere che
    ———————————————-un pescatore a fare la
    ———————————————-Grande Rivoluzione
    ———————————————-Napoli 1838/2015
    ———————————————-**guagliuu fine amo!**

    grazie cordiale saluto

  2. Quella di Masaniello del 1647, non fu una rivoluzione,come viene detto sopra,ma una rivolta,finita tragicamente per il protagonista e male per il popolo .La ragione della ribellione era sacrosanta:l’aumento delle gabelle su prodotti di largo consumo,ma la conduzione di essa da parte del protagonista fu,a dir poco,contraddittoria.Non aveva Masaniello cultura,nè vera coscienza di classe,si muoveva per istinto ed i cambiamenti nella storia non si realizzano con l’improvvisazione.Possiamo definirlo un ribelle generoso,amante della giustizia,ma privo della lucidità e della coerenza necessarie per portare a buon esito la causa degli sfruttati dal Vicerè,dalla monarchia spagnola,dalle classi nobiliari.Personaggio ambiguo: amato e disprezzato dal popolo e dalla tradizione.Non a caso gli storici ora lo esaltano ,ora lo presentano come il tipico esempio di jacquerie,di ribelle ambizioso e privo di realismo politico.La lezione che si può ricavare dalla sua esperienza ancora oggi,pur in un contesto completamente diverso, è che per cambiare la società non bastano i buoni propositi,occorrono leader preparati e carismatici,partecipazione dei cittadini,insomma una rapporto stretto tra rappresentanti e rappresentati,tra elettori ed eletti.Il riscatto per il Sud impone un dialogo,un’interazione continua tra ceto politico dirigente e società civile,che,al di là delle ideologie politiche che si possano seguire,storicamente è mancato.

Aggiungi un commento