Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    Il gruppo di importanti sculture, che si presenta alla ammirazione degli
    studiosi, fu rinvenuto nel 1911 nella città di Sorrento e precisamente nel vicolo
    Tasso (ex via dell’Accademia) durante i lavori per una conduttura d’acqua. Al
    Museo Nazionale di Napoli vennero eseguiti i restauri necessari, ed ora le
    sculture, ricomposte per quanto fu possibile nelle belle loro forme, son tornate a
    Sorrento, e hanno preso dimora in una magnifica, saletta del Museo Correale.
    Per quanto appare dalla loro fattura, dalla qualità del marmo in cui son
    lavorate, di grana assai affine al pentelico, e infine da due preziose iscrizioni
    frammentario che fra esse si conservano, si tratta di sculture greche, forse
    lavorate da mano greca che traeva i suoi modelli da tipi del V e del IV secolo
    avanti Cristo. E questa fioritura di forme artistiche greche sbocciata nella città di
    Sorrento, che già nella sua famosa “base” conserva di riflesso dell’arte di Scopa,
    di Timoteo e di Cefisodoto il giovane, acquista un fascino singolare, ed aumenta
    il valore, già di per sé grande, delle sculture che ora pezzo per pezzo
    osserveremo.
    1 Figura muliebre acefala e senza braccia, seduta, col corpo lievemente
    rivolto a destra, su animale a lungo collo, privo di testa e di gambe, di profi………………..Meraviglioso regaloSorrento Greca………….grazie Aniello

Aggiungi un commento