La Villa Pignatelli di Montecalvo

Inserito da: · Ottobre 3, 2015

Di

Giovanni Ruotolo

… La povera principessa fu la prima proprietaria di tale mirabile edificio che fu edificato nel 1747, non ad opera di Ferdinando Sanfelice come si era ritenuto fino a poco tempo fa, ma dal meno famoso Girolamo Molino. Questa villa Pignatelli di Montecalvo ha in comune con quella dei Pignatelli di Monteleone,ubicata nel comune di Barra e già descritta da Aniello Langella, alcune espressioni architettoniche come il portale con le bugne a punta di diamante e principalmente il vestibolo a cupa ellittica …

icona villa pignatelli

Giovanni Ruotolo – La Villa Pignatelli di Montecalvo – vesuvioweb 2015

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, San Giorgio a Cremano

Discussione8 Comments

  1. Luigi ha detto:

    La villa era stupenda. Peccato che ancor oggi non si fa niente per riportarla perlomeno guardabile. Il comune di S. Giorgio paga il fitto dei ponteggi e nessuno dice niente.Ormai da anni
    Sara’ il caso di proporlo come servizio alla trasmissione Striscia la notizia.!

  2. Marie ha detto:

    ————-Complimenti visione fantastica di una stupenda villa.

    saluti cari

  3. michele ha detto:

    Ho avuto il piacere di accompagnare Giovanni Ruotolo e Pasquale D’Orsi nella fantastica avventura della riscoperta di quella che un tempo fu una magnifica villa e che l’oblio, l’incuria, e la scarsa sensibilità di chi dovrebbe occuparsi con più attenzione rischiano di cancellarne perfino il ricordo. Credono questi “signori” di lavarsi la coscienza affidando ai tubi innocenti il compito di sentinella ? Non si preserva così il nostro passato cancellando la nostra storia alle future generazioni. Grazie a Ruotolo che almeno rispolvera un poco le coscienze.

  4. carmela di lecce ha detto:

    Chissà cosa avrà pensato la povera principessa Caracciolo Pignatelli leggendo la tua dissertazione, indignata e disillusa , su quella che fu la sua dimora…Si sarà detta ” Per fortuna c’è Giovanni, che legato all’estetica architettonica degli antichi palazzi ,bellezza e onore di una città che avrebbe potuto avere un’ immensa ricchezza di strutture nobili,alza la sua ” voce che grida nel deserto”puntando l’indice accusatore su chi , incurante di cotanto tesoro , ha guardato altrove, lasciandolo agli sterpi e all’incuria.”. Tutto cambia e tutto rimane , paradossalmente uguale, nella nostra città.. Meno male che di fronte a tale scempio , non ti tiri indietro! Grazie. Complimenti a te e una lode alle immagini fotografiche di Pasquale D’Orsi.

    • Ruotolo Giovanni ha detto:

      Che dire? A questo punto non mi rimane che ringraziare tutti per i lusinghieri commenti che mi sono stati rivolti. E ne approfitto per comunicare che la prossima villa delle delizie che visiteremo sarà Villa Bisignano in quel di Barra od almeno quel che ne è rimasto.

      • giuseppe speranza ha detto:

        … scusami Giovanni sarebbe il caso di occuparci in primis delle ville esistenti nel nostro territorio anch’esse abbandonate e deturpate !!??!!…

  5. giuseppe speranza ha detto:

    … è risaputo che Napoli è città d’arte e tra le tante ha quella di distruggere ciò che di bello c’è !!!…

  6. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Giuseppe, accolgo la tua idea. La prossima villa delle delizie di cui ci occuperemo sarà villa Materazzo sul confine tra Torre ed Ercolano. Cordiali saluti.

Aggiungi un commento