06 – I ccose piccerelle r’a lenga turrese

Inserito da: · novembre 21, 2015

Da A Lenga Turrese Stròppole linguistiche

Di

Salvatore Argenziano

…   Gnóttere; ingoiare. Dal latino “in+glutire”, con aferesi “glutire” e mutazione GL/GLI, come da
“glomerem” a gliommero e da “trigla” a triglia, “gliutire”. Segue mutazione U/O, raddoppio consonantico T interno e cambio di coniugazione, giungendo a “glióttere”. Segue una mutazione GLI/GN, non trovata nel napoletano ma presente in provincia, che porta a “gnóttere”  …

icona cose piccerelle 6a

06 – I ccose piccerelle – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione5 Comments

  1. mari ha detto:

    Chi se cócca ch’i ccriature se sósse cacáto â matina.
    Se volessimo dare tutte le informazioni di pronuncia, dovremmo riempire di
    simboli fonetici la grafia. Il parlante di un dialetto sa, esattamente, quando una vocale
    ha suono indistinto e quando una consonante ha un suono specifico particolare.
    Colgo l’occasione per segnalare la pronuncia particolare di due voci di questo
    proverbio. – Chi – e – ch’i -. Nel primo caso – chi – va pronunciato come nelle parole
    “chiatto”, “chiappo” e questa pronuncia è peculiare del dialetto. Nel secondo caso –
    ch’i – è pronunciato come nelle parole “chisto”, “chillo” [kisto – killo].
    E vve pare niente a differenza? ……………..
    —********Salvatore carissimo:che vuoi–le tue Cose piccerelle”tanto Grandi sono che……guarda un pó…mi riportano alla voce é mamme….lo diceva sempre!!Chi se cócca ch’i ccriature se sósse cacáto â matina………….non capivo allora.
    Maaa !!ma che dice?ie nun capisco chelle cca vuo riccereee……uufffaa io maaa……………..Lei rideva si guardava con Papa———ridevano ambedue…III mariii……….tu si’ppeccerelle ancooore………….
    ……..Profondo sospiro a Loro mi porta ……………Sei Tu l’artefice!!! grazie se,senti nu’surdillino vire… ché´dee maria cca sta parlann étee………..

    • salvatore ha detto:

      Cara Maria, sapessi che piacere mi dà il tuo ricordo d’infanzia. Penso a quel tempo, quando i nostri cari si esprimevano con frasi incomprensibili per noi, con tanta discrezione e rispetto per i piccoli.
      Comunque, l’esercizio della memoria è sempre un momento piacevole.
      Grazie, carissima Maria.

  2. Falato Silvio ha detto:

    Sono perle: vanno ad arricchire ulteriormente l’immenso tesoro che hai ammassato. Grazie e complimenti.

  3. mari ha detto:

    ………Amicissimi:cari e lontani ,solo lontani di presenzza
    ………Nella memoria “abbitanti a tempo pieno”
    ………ricordo una canzzone…verimme che succere…

    Pienzzeme!comm’io te penzze ate matine e seeereee
    ——-giuramee ka nun me lasse kiu..manche si moooree….
    Salutame pussiilippe………
    a litorania o’vommere.
    l’aucielle e rose l’alberee
    o sol’e sttaaat cittaa
    saluutee maammaaa
    ……….é me nun te scurda!!!.

    …………jajaja metteteci il tono musicale amici!!!

    cantammme siii ………meeetttimece nu poche e fantasie…
    nu tene prezze si a vuo cumpra……

    sta solo dint’o core nuossteee

Aggiungi un commento