Il Priorato della Ss. Trinità di Sarno

Inserito da: · gennaio 8, 2016

Grancia del monastero benedettino della Ss. Trinità di Cava

Di

Pasquale Marciano e Luigi Ambrosio

…   Il notaio Giovanni Marco Iovene, in qualità di Judece delegato et Commissario specialiter deputato pro Sacra Cesarea Maestà all‟inventariazione e catalagozione dei beni e redditi sive censuorum del Priorato della Ss. Trinità di Sarno, grancia del monastero cavense sotto lo stesso titolo, tra il 16 e il 26 agosto 1535 si reca personalmente in Sarno per assolvere a tale incarico. [v. Archivio Badia di Cava, Armadio XI, Ms. n. 28]. Ad attenderlo all‟ingresso della chiesetta della Ss. Trinità, con volta at lamia coperta et cum
parvo terreno ante portam, sita  …

icona SS Trinità di Sarno1

Pasquale Marciano e Luigi Ambrosio – Il Priorato della Santissima Trinità in Sarno – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura, Tradizioni

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    Grotta di San AlferioLa Santa Grotta della Santissima Trinità è poco conosciuta per la discrezione dei monaci benedettini della Badia della SS. Trinità di Cava che la custodiscono amorevolmente.
    La santità benefica che ebbe origine dalla visione della Santissima Trinità Anno Domini 1011 fu immensa : una Luce salvifica apparve nell’oscurità del Medioevo! Si pensi che su quella S. Grotta detta di Sant’Alferio si fondò uno dei baluardi benedettini della cristianità medievale, e ancora oggi è segno di speranza e sostegno spirituale per tutti i credenti.
    Per comprendere l’importanza redentrice che la Santissima Trinità infuse nella S. Roccia della Grotta basti pensare che i primi quattro Padri fondatori della Badia benedettina furono canonizzati : Sant’Alferio Pappacarbone, San Leone, San Pietro Pappacarbone, San Costabile, tutti testimoni di Cristo nella santità e nell’agire miracoloso, esempi viventi dell’Amore Trinitario.
    Ai quattro Santi Padri seguirono altri Abati degni di beatificazione : Beato Simeone, Beato Falcone, Beato Marino, Beato Benincasa, Beato Pietro II, Beato Balsamo, Beato Leonardo, Beato Leone II.
    E che dire poi di ben due Pontefici che si formarono sotto l’influsso dei monaci della Badia della SS. Trinità : Desiderio, che divenne prima Abate di Montecassino e poi Papa con il nome di Vittore III ; e Oddone di Chatillon, allievo di uno dei Padri San Pietro Pappacarbone, che divenne Urbano II, famoso nella cristianità per aver promosso le Crociate e la liberazione del Santo Sepolcro di Gesù Cristo a Gerusalemme.
    L’irradiazione luminosa e santificante della Santissima Trinità fu irresistibile: benché Sant’Alferio si era rifugiato a vita eremitica nella Grotta della Santa Roccia , e già all’età di settant’anni, vide giungere da tutte le terre conosciute uomini in cerca di santità, che ben presto divennero sotto il terzo Abate San Pietro migliaia di monaci che costituirono l’ Ordo Cavensis (Ordine Cavense) , un esercito all’epoca delle Crociate a difesa della cristianità, che diffondevano la santità, l’amore e la potenza salvifica scaturita dalla Santa Roccia della Santissima Trinità.
    E’ raro in tutta la cristianità trovare un luogo così santo e sorgente di santità!
    Da mille anni, innumerevoli e straordinari i miracoli e gli aiuti spirituali che sono stati elargiti dal Divino, Infinito e Misericordioso Amore della Santissima Trinità per le preghiere pronunciate nel silenzio della Santa Roccia della Santissima Trinità !…………………………………………

  2. mari ha detto:

    Storia della visione della Santissima Trinità a Sant’Alferio

    Come già si è scritto, la Badia della SS. Trinità di Cava, ubicata a pochi chilometri da Salerno, fu fondata nell’Anno Domini 1011 da Sant’Alferio Pappacarbone, nobile salernitano. Questi abbracciò la vita monastica in età matura nel celebre monastero di Cluny in Francia, ma le istanze di Guaimaro III principe di Salerno lo trassero nuovamente in questa città per compiere opere di riforma nei monasteri del principato. Il desiderio però di una vita ascetica più perfetta lo spinse a rifugiarsi nella Grotta Arsicia o Metelliana nella vallata di Cava, nei pressi del ruscello Selano, dove già prima altri pellegrini e monaci benedettini si erano rifugiati di ritorno dalla Terra Santa. Sant’Alferio ben presto videsi raggiunto da numerosa schiera di discepoli, bramosi di porsi sotto la sua monastica direzione e disciplina.

    Scrive lo storico Paul Guillame nella seconda metà dell’800: “…Ugo da Venosa afferma che Alferio fu il primo pio benedettino a fare della cava di metelliana una stabile dimora di religiosi. Mentre il pio anacoreta fuggiva la gloria del mondo, in tutte le città vicine, la gente tessé i suoi elogi e numerose persone, per la maggior parte d’alto rango, lo pregarono di prenderli sotto la sua direzione spirituale. Tra i primi discepoli di Alferio, citeremo qui solo Leone da Lucca, che alla morte del Santo Abate governò il monastero benedettino di Cava.
    In seguito a ciò gli abitanti della grotta Arsicia si trovarono presto troppo stretti. D’altra parte, per riguardo alla natura del luogo, era molto difficile estendere ulteriormente le celle dei religiosi. Fu quindi deciso di costruire una nuova abitazione in un luogo più adatto. Alferio scelse il vicino monte Sant’Elia, situato oltre il Selano, dalla cui cima la vista si stende su tutta la verde valle metelliana e su gran parte delle deliziose contrade che costeggiano il golfo di Salerno.
    Secondo una tradizione costante e la testimonianza dello storico Rodolfo, le mura innalzate di giorno si trovavano distrutte all’alba del giorno dopo. L’uomo di Dio pensò allora che il Cielo non approvava il luogo che egli aveva scelto e siccome di fronte al monte Sant’Elia, in fondo – alla roccia – della grotta che aveva deciso di abbandonare vide a più riprese e di notte una luce splendente divisa in tre raggi, considerò quest’apparizione come un segno della volontà divina e decise di costruire il monastero intorno alle celle già esistenti, malgrado le evidenti difficoltà che questo progetto presentava.
    Alferio cominciò col sostituire il piccolo oratorio della grotta con una chiesa più adatta. I lavori cominciarono nel 1012 a spese dello stesso Alferio e continuarono, senza interruzione, per parecchi anni. La benedizione solenne della chiesa avvenne nel 1019. Tutto il monastero, in quell’occasione, fu posto sotto la protezione della Santissima Trinità, che un tempo si era compiaciuta di indicarne il luogo e così da allora lo si indicò col nome di: monastero della Santissima Trinità della Cava…”.

    La nuova fondazione acquistò ben presto grande rinomanza; principi e pontefici gareggiavano nell’arricchirla di donazioni e di privilegi, e i più illustri personaggi venivano ad abbracciarvi la vita monastica. Tra questi va ricordato Dauferio, dei principi di Benevento, che prese l’abito benedettino sotto il nome di Desiderio; fu più tardi Abate di Montecassino e finalmente Papa col nome di Vittore III.
    Sant’Alferio morì il 12 aprile 1050 in età di 120 anni, e il sacro suo corpo si venera sotto l’altare eretto nella Grotta della Santa Roccia della Santissima Trinità da lui stesso abitata.

    PREGHIERA A S. ALFERIO
    O venerabile Padre S. Alferio, che per vie tanto misteriose foste da Dio chiamato ad essere il fondatore del Monastero Cavense, sia sempre benedetta la vostra fedelissima corrispondenza alla grazia, onde diveniste, quale Iddio vi voleva, santo e condottiero di santi. La luce di quel triplice raggio, col quale l’Augusta Tinità si degnò rivelarvi un barlume della sua gloria, non ancora si è dileguata, ma continua e continuerà a diffondere dalla vostra umile grotta splendore di santità, sino all’ultimo giorno. Fate, o caro Padre, che codesta luce rischiari i nostri passi su questa terra d’esilio, e ci guidi agli splendori eterni della Santa e Beata Trinità. Così sia. (a cura dell’Abate Mauro)……………….

  3. mari ha detto:

    Fate, o caro Padre, che codesta luce rischiari i nostri passi su questa terra d’esilio, e ci guidi agli splendori eterni della Santa e Beata Trinità. Così sia. (a cura dell’Abate Mauro)….fondatore del monasterosanto ed condottiero di santi vi porgho una preghiera per coloro che soffrono ,non sono santi come foate …pero:stanno faccendo tanti sforzi per passare dal ponte doloroso ed arrivare alla riva.S.Alferio…avete la careza delle belle parole ,non per caso alla lettura venisti….metti dono il sereno manto a coloro che soffrono…tene progho…grazie

Aggiungi un commento