L’acquedotto greco romano e l’assedio di Napoli del 536

Inserito da: · gennaio 8, 2016

Di

Nicola Kapetanidi

Nicola Kapetanidi – L’acquedotto greco-romano e l’assedio di Napoli del 536 – vesuvioweb 2016.pub

icona acquedotto2

… I residenti hanno deciso di resistere con la guardia gotico, perché erano convinti di due oratori demagoghi, che avevano interessi nel potere gotico. Ma prima hanno avuto colloqui con Belisario e hanno cercato lo convincerlo a non ritardare in città, ma per andare a un incontro e scontro con il re gotico Theodato. Così, dopo sua vittoria Neapolis si piegarsi a lui legittimamente e senza perdite. Ma Belisario ha rifiutato e ha chiesto per cedere subitto. Dopotutto i deputati hanno risvegliato il popolo alla resistenza…

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione2 Comments

  1. Raffaele ha detto:

    Me facite arrecrjia! Per ogni singola recensione o mappa.( Per lo staff.) Non conosco l’autore del saggio ma è per me gioia immensa leggere di fatti storici e curiosità indagate e presentate da uno “” straniero “ . E per mia convinzione ritengo che a Napoli nessuno sia straniero, QUINDI UNO DI NOI.. La nostra città è da sempre città apolide. Quale altra città del mondo presenta una storia simile? Forse Roma !? Ma Napule lo è di più. Complimenti all’autore e….. Inchino d’obbligo e riconoscenza infinita. Ovviamente anche a tutti voi. Ad majora!
    P.S. Ho goduto, dal punto di vista letterario, ovviamente, nel leggere il saggio sul ponte della Maddalena e della statua posta lì di S.Giovanni Nepomuceno . Non ho mai saputo e adesso so il perché il “Santo Ceko “ fosse stato posto lì ben passandoci innumerevoli volte davanti. Nel famoso ponte praghese è posta la statua nel punto in cui fu gettato nella Moldava.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Caro Raffaele, ti ringrazio molto per i tuoi commenti. Questo è un portale silenzioso. Non ama i fuochi pirotecnici di alcuni siti del web. Non ha pubblicità. Si regge sulla forza di chi scrive e di chi vuole leggere. Costruisce sulle cose semplici il suo dialogo e con umiltà (questo concedimelo) si propone. Poi accade quasi per magia che incontra persone come te che scrivono ciò che hai scritto, ma ti posso assicurare che le mail private che riceviamo hanno il medesimo tuo tenore. La tua però va editata: è d’obbligo! Grazie ancora ma voglio spiegare a te ed a chi legge una cosina a proposito dell’acquedotto greco romano. Chi ha scritto quel pezzo si chiama Nikos Kapetanidis. Vive a Salonicco ed insegna materie scientifiche. Lui che è nostro collaboratore mi ha scritto di voler italianizzare il suo nome (come vedi nel testo è cambiato) e di voler lasciare la forma incorretta, perchè egli dice “voglio scrivere in italiano; io adoro la vostra lingua ed anche se sbaglio lascia così; grazie Nico”. Cosa vuoi aggiungere a ciò che hai scritto tu ed il nostro fraterno amico? Nulla! A presto. Aniello

Aggiungi un commento