01- Sera e Notte – Le metafore del tempo

Inserito da: · febbraio 5, 2016

Prima Giornata
Dal Pentamerone ovvero Lo cunto de li cunte
di Giambattista Basile (1575-1632)

Di

Salvatore Argenziano

È l’immagine della città al tramonto, quando le luci nelle case e nelle botteghe, una dopo l’altra, si accendono. Cinzia è Artemide, così detta per essere nata sul monte Cinto. Artemide è la Luna. Stecconeiare, bastonare. Pettenare e ’nforrare, pettinare e rivestire, traslato per conciare per le feste. Potte, potette, poté. Sommiero le 24 ore, verso il tramonto. La misurazione delle ore era fatta a partire da mezzora dopo il tramonto, l’ora dell’Ave Maria. Pedamentina, stradina che porta in cima. Tozza-martino, gioco delle testate, come lo scontro tra martini, caproni.

icona 01 basile 2

01 – Sera e Notte – Le metafore del tempo – Giambattista Basile – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: ----- Giambattista Basile, 00 In Rilievo

Discussione3 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Quante conoscenze curiose riesci ad aggiungere al nostro sapere! Complimenti e grazie, Salvatore.

  2. mari ha detto:

    Ma, venuta la Notte – che, vedennose atuorno tante pescature de poteche e
    ferraiuole, aveva comm’a seccia iettato lo nigro – la vecchia, tiratose tutte le
    rechieppe de la perzona e fattone no rechippo dereto le spalle legato stritto stritto
    co no capo de spao, se ne venne a la scura, portata pe mano da no cammariero
    drinto la cammara de lo re, dove, levatose le zandraglie, se schiaffaie drinto a lo
    lietto………….jajaja e poo???grazie per codesto ridere incommensurabbileeeee
    ………..grande Masto Tore

Aggiungi un commento