Lina De Luca – La Marineria Torrese dalle Due Sicilie al Regno d’Italia

Inserito da: · Febbraio 28, 2016

Non si deve tuttavia pensare che la marineria di Torre del Greco in epoca borbonica si concentri solo sulla pesca corallina. Presso l’Archivio Storico si conserva un registro denominato Spiegazione de’Ruoli di Equipaggio di Ogni Legno. Dal 1Gennajo 1824 in poi dal quale si rileva che nei primi cinque mesi di quell’anno partono da Torre per la pesca del corallo in Corsica, Sardegna, Africa del Nord, Ponza, Sicilia, Calabria e Campania 75 feluche, 14 paranzelli e 10 gozzi, ma anche 12 feluche, 10 paranzelli e 5 gozzi per la pesca dei pesci e 12 paranzelli e una feluca per il traffico commerciale.

 

 

 

Lina De Luca – La Marineria Torrese dalle Due Sicilie al Regno d’Italia – vesuvioweb 1

Lina De Luca – La Marineria Torrese dalle Due Sicilie al Regno d’Italia – vesuvioweb 2

Lina De Luca – La Marineria Torrese dalle Due Sicilie al Regno d’Italia – vesuvioweb 3.pub

 

La pesca dei pesci è esercitata, oltre che nei mari campani, anche in quelli pontifici del Lazio e della Romagna e in quelli toscani, come testimoniano i dispacci del 1823, 1826 e 1831, fatti pervenire al Sindaco di Torre, che riguardano la pesca su quelle coste. Il 6 ottobre 1823 l’Intendente Reale della Provincia di Napoli rende noto al Comune di Torre che Sua Altezza Imperiale, il Granduca di Toscana ha accordato ai sudditi borbonici di poter provvisoriamente continuare a pescare a tutto aprile dell’anno successivo per mezzo di paranzelli. L’ 8 novembre 1826 il dispaccio della Real Marina al Sindaco recita: “Taluni padroni di paranzelli di codesto comune, malgrado l’avvertimento fatto alla loro classe dal Regio Console Generale residente in Roma di astenersi dalla pesca nei mari Pontificj prima del giorno 14 settembre, giusto il prescritto della Legge Territoriale del 14 aprile 1818 ad essi ben nota, pur tuttavia hanno osato trasgredire il divieto, pescando in quei mari la notte del dì 12 scorso settembre e recarono in Porto d’Anzio, il dì seguente, cantaja trenta di pesce. Nel darLe quindi conoscenza di tale avvertimento, La prego di avvertire i Padroni Pescatori onde non incorrano altra volta in simili trasgressioni, mentre avendo ciò luogo saranno tolti dal ruolo degli individui autorizzati a funzionare da Padroni.”

Lina De Luca – La Marineria Torrese dalle Due Sicilie al Regno d’Italia – vesuvioweb 1

Lina De Luca – La Marineria Torrese dalle Due Sicilie al Regno d’Italia – vesuvioweb 2

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Il mare e la sua storia, Storia e cultura

Aggiungi un commento