Le nonne formica

Inserito da: · maggio 13, 2016

Di

Silvio Falato

Nei mesi estivi le nostre care nonnine erano sempre impegnate a tagliare zucche, melanzane, peperoni, pomodori, mele, prugne, fichi, che, fatti a pezzi, venivano disposti in ordine sul graticcio ed esposti al sole cocente sui balconi, sulle logge, sulle finestre, sui ballatoi delle case.
I buoni prodotti dell’orto, una volta seccati, venivano gratinati nel forno caldo, dopo che era stato sfornato il pane, e poi venivano conservati in candidi sacchetti, relegati nel fondo dello stipo. Che goduria, che delizia, nella stagione invernale, fare la colazione alle prime luci dell’alba con questi saporiti frutti del nostro campicello!

icona formica1

Silvio Falato – Le nonne formica – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Guardia Saframondi

Discussione8 Comments

  1. mari ha detto:

    Quando giungeva il freddo di Gennaio,
    kǝ bǝllèzza pǝtè fa’ a kulazjònǝ che incanto poter fare colazione
    ku tùttǝ kèllǝ kòs’akkussì kkàrǝ con tutti quei prodotti così cari
    k’a r’wòrt’avìvǝ qwòt’a la štaggjònǝ: che nell’orto avevi raccolto nella stagione estiva:
    Paparwòlǝ, pǝmmǝdòr’e kukuzzéllǝ, Peperoni, pomodori e zucchine,
    arrǝšchjàtǝ ’nzégn’a ddòjǝ patanéllǝ; fritti e gratinati insieme con due patatine;
    mǝlǝgnànǝ, aulècǝn’e mǝrìllǝ, melanzane, prugne e mele,
    kǝ tǝ màgnǝ ‘nzégn’a ddùjǝ zǝkkurìllǝ! che mangi insieme a due fichi secchi! ……………………………….
    ……..Gentil e caro Silvio:Queste nostra Nonnine amatissimee—–siii ha raggione Lei erano delle preziosisime *formiche**laboriose tutto casa ,figli,marito…**che per la casa si spandeva…certi nei grandi “basetti di creta”(credo lo si chiama cosi)…………ehh torna la mente al tesoro dei ricordi….lii vi apparve …o’tennielle”a cantinaa…ohh..sottee o frischee…….arrivavano dal mare ..ku na ffammeee!!!!oi maaa che n c’é sta…che bellu’pane frische ..oi maaa———-Nannii curreee va piglie o vasette p’e gugliune kurre muovete..enne asciute all’albe stammmtinaaa……..fancce nu belle “spugnille….’o pche d’uglie o puparulielle……kuurreee a mamma soie….’e guagliune ..aspettanee

    ———–Sentive aroppe mmmnn ‘e komme so sapuritee…e damme o poch’e vine……..nnccassiche………..oi maaaaa……….

    • Falato Silvio ha detto:

      Il sacchetto bianco, che si comprava al mercato dell’usato tra i panni americani, era preziosa custodia soprattutto dei fichi secchi e la nonna lo teneva ben custodito, relegato in un posto recondito dello stipo. C’è da aggiungere che, per impedire che qualcuno li trafugasse, si ricuciva l’orlo del sacchetto. Solo il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, approssimandosi le feste natalizie, veniva “ingignato” e da quel momento in poi il ficco secco era premio assicurato per il ragazzo servizievole. Da ciò il proverbio ” ‘Nzanta Lecija se skose la cilema” : “A Santa Lucia si scuce il sacchetto” (Dal greco “kirba”, il latino “cirma”= contenitore e poi “cilema”). Grazie, Mari.

  2. mari ha detto:

    …………si sentiva spesso **vaa a mamma soie**tanta dolcezza in quel dire…nulla che vedere ai giorni nostri……..tanta tecnologia!!tanta….abbondanzza…..e tutti innervositi……..
    ———————La serenita veniva immerzza gia nelle loro anime ..non vi era in queste nonnine amatissime…quel strillo dolente….eppure la loro vita non era facile..nooosatavano al posto loro come delle **custodie**come degli esserii che con la loro saggia azzione si andava al sereno…………..

    ………..Grazie Silvio,grazie allo staff meravilloso !!

    • Falato Silvio ha detto:

      La miseria da un lato affratella i popoli dall’altro li rende più maturi e dotati di autocontrollo, allontanando alterigia, nervosismo ed egocentrismo.

  3. marisa ha detto:

    Bellissimo questo ricordo di antiche, semplici dolcezze, di lunghe ore pazienti di lavoro condiviso, di sapori “saporiti”, pur se esaltati dall’appetito gagliardo dell’infanzia e dell’adolescenza.
    Non ho mai avuto un orto, ma qualcosa da conservare ce la portavano da campagna e ricordo la preparazione delle marmellate, della cotognata, dei sottaceti, delle bottiglie di pomodoro, della conserva e poi delle alici salate e del tonno sott ‘olio.
    “Ricchezza di casa” erano anche i vasi e i vasetti che si allineavano nella dispensa, gli spuncilli di pomodoro e di sorbe e i “melloni di pane” appesi fuori a balconi e terrazzi.
    “Chi nun spènne nun appènne”, recita un nostro proverbio, a riprova che la materia prima proveniva prevalentemente dal mercato, rifornito dalle nostre fertili campagne.

  4. Vesuvioweb ha detto:

    Descrivi il tempo attraverso i ricordi. Ma questa è l’umanità. Questo bellissimo racconto tra prosa e poesia scopre il lato antropologico di questa umanità che sembra tanto lontana, mentre invece è appena di ieri. I gesti, i colori ed anche i sapori che si sprigionano sanno di antico, ma soprattutto di buono.
    Grazie Silvio

    • Falato Silvio ha detto:

      Ringrazio di cuore per l’attenzione e, con somma letizia, soprattutto perché rilevo un grande attaccamento verso le nostre umili cose.

  5. mari ha detto:

    …………Silvio gentil e cordiale amico:La miseria da un lato affratella i popoli dall’altro li rende più maturi e dotati di autocontrollo………….Riflessiva frase che racchiude tante,tante cose.eccelente riflesione da Lei fatta
    ……………come sempre la riccezza risiede,nel tutto del Cosmos ………..

    ……….Ingignato il sacco..che i fichi secchi conteneva…..Racontavano…..ed mental…mente nel cervello come un canto le párole suonano ……come i sapori di quei ficchi é furne…..secchi…a’chiuppe…con delle piccole pezzi di nochi…”come dei “tramezzini”.Fichi é noci……maaa che delizzia…..oi maaa….Fatto che di rado accadeva…….poi erano in tanti a lee mani mettere che …ferneva l’igignato sacco………….il sapore di quel?prelibbato nettare ,come il disio constante ….non si racchiuse mai ……..fino a gli ultimi instanti di vita nelle lontane terre solevo sentire come l’aria di un sospiro …aaahhhcomm’erane belle chelli fiche..é tanneee……..Grazie Silvio…sono queste umili cose che ci hanno fatto grandi di spirito………….la mia Lode pere Lei,grazie amici di vesuvioweb.

Aggiungi un commento