Parlare a Napoli – Quorum e franco

Inserito da: · maggio 25, 2016

Di

Alfredo Imperatore

Parlare a Napoli – Quorum e franco

Ciò non era dovuto al caso, ma aveva uno specifico significato: si trattava di una “sottoconta”, nel senso che i vari onorevoli e senatori, appartenenti ai diversi partiti, gruppi, correnti, “sottocorrenti”, per dimostrare che erano stati ligi alle direttive impartite, e manifestare la propria lealtà, si erano incolonnati in una determinata dicitura (G. Napolitano, Napolitano G. ecc.), affinché si potesse dimostrare che erano stati ubbidienti, leali, e non… franchi tiratori.

parlare 2

Alfredo Imperatore – Parlare a Napoli – Quorum e franco – vesuvioweb 2016

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Nel XVIII secolo, Napoli divenne molto popolare come una delle tappe obbligatorie del Grand Tour. E ‘stato anche una destinazione chiave per molti artisti provenienti da Inghilterra, Germania e Francia, come Joseph Wright of Derby, Jakob Philipp Hackert e Joseph Vernet. La città ha continuato ad attrarre maggiori pittori buona parte del XIX secolo, tra i quali Turpin de Crissé (tra il 1808 e il 1824), Franz Ludwig Catel (un visitatore regolare dal 1812 in poi), Joseph Rebell (tra il 1813 e il 1815), Wilhelm Huber (tra il 1818 e il 1821), JMW Turner (nel 1819-1820), Achille-Etna Michallon (nel 1820) e Johan Christian Clausen Dahl (nel 1820-1821). Carl Gustav Carus e Corot sia visitato nel 1828.

    Pitloo ha aperto una scuola privata di pittura presso la sua casa sulla Vico del Vasto a Chiaia, il quartiere lungomare di Napoli, nel 1820. Il suo studio è diventato un luogo di incontro importante per i giovani artisti di talento come Achille Vianelli, Giacinto Gigante e Gabriele Smargiassi. Il gruppo comprendeva Teodoro Duclère, che avrebbe poi sposare la figlia di Pitloo. Da questo nucleo è emersa la Scuola di Posillipo. [2] La scuola si è basata su una ripresa di interesse per la tradizione veduta settecentesca e ha sviluppato una nuova attenzione sulla pittura plein-air. Il periodo 1815-1830 è stato decisivo nello sviluppo della pittura napoletana, e Pitloo indiscutibilmente la figura chiave nel periodo. ‘[3] E’ stato nominato professore di pittura di paesaggio all’Accademia di Belle Arti di Napoli nel 1824. Ha contribuito al lavoro mostre al Real Museo Borbonico nel 1826 e il 1830.

    Pitloo_Vgl
    Figura. 1 Anton Sminck van Pitloo, il faro di Porto di Napoli, olio su tela, 24 x 32 cm, Napoli, Museo di San Martino, inv. 21642
    In questo studio l’olio di piccolo formato Pitloo ha scelto un punto di vista alto, guardando fuori dalla interno ombroso di un pergolato di vite rivestito verso il Castel Nuovo, un punto di riferimento napoletana notato spesso indicato come il Maschio Angioino. Di fronte allo spettatore sono le tre caratteristiche torri del castello. Le torri si affiancano a sinistra per l’apice del faro del porto (Fig. 1). Vesuvio, che emette una luce pennacchio di fumo, domina lo sfondo. Lo studio è stato quasi certamente eseguito en plein air. la gestione di Pitloo degli effetti della luce è molto originale nella resa della luce screziata sulla terrazza in primo piano e nel trattamento della terra di mezzo assolata e lo sfondo di luce soffusa.

    [1] Cfr Marina Causa Picone e Stefano Causa (eds.), Pitloo. Luci e colori del paesaggio napoletano, exhib. cat., Museo Pignatelli, Napoli 2004, pp. 89-118.

    [2] Pasquale Villari, scrivendo nel 1855, ha descritto la ‘Scuola di Posillipo’ come segue: Lo splendido clima e magnifico paesaggio circostante Napoli, insieme ai molti stranieri che sono sempre chiedono un disegno o la pittura come ricordo, aveva spronato un certo numero di pittori. Gli artisti dell’Accademia hanno parlato di loro in qualche modo dispregiativo come la ‘Scuola di Posillipo’, dopo che il luogo in cui hanno vissuto in modo da essere vicini ai loro clienti stranieri. Raffaello Causa, ‘La Scuola di Posillipo – La Scuola di Posillipo’, in pittura di paesaggio del 19 ° secolo a Napoli. Giacinto Gigante e la Scuola di Posillip, exhib. cat., Museo Nazionale di Archeologia Valletta, il 23 novembre 2000-20 gennaio 2001 Napoli 2000, p. 14-5. [La bellezza del clima, i paesaggi stupendi Che circondano Napoli EI MOLTI Forestieri Che ne chiedono sempre Qualche ricordo Disegnato o dipinto, avevano Fatto sorgere Un certo numero di artisti i qualificata, provengono per disprezzo, erano Dagli Accademici Chiamati della «Scuola di Posillipo» , dal Luogo dove abitavano per Essere Più Vicino ai di Forestieri…………………..Amici un po della bibliografia dell’eccelente pittore ..tradotta dall’inglese…………..per colui che volesse approffondire….

  2. mari ha detto:

    Docente di Paesaggio presso il Reale Istituto di Belle Arti di Napoli, fu fondatore e indiscusso protagonista della “Scuola di Posillipo”.
    Seguendo la lezione di Joseph W. Turner e Camille Corot, fu tra i primi ad adottare il metodo di pittura en plein air (all’aperto). Pitloo sosteneva che l’artista dovesse rimanere fedele al paesaggio, raccogliendo le prime impressioni in studi e bozzetti tramite l’osservazione dal vero, e rigettando con fermezza le vedute stereotipate e mozzafiato realizzate ad uso esclusivo dei turisti del Grand Tour a caccia di souvenir. La sua attività artistica, lontana dalla dominante cultura figurativa di gusto folcloristico a sfondo mitologico, patetico e sentimentale, fu determinante per lo sviluppo della pittura paesaggistica napoletana. Alla prematura morte dell’artista per un’epidemia di colera, la maggior parte delle opere conservate nel suo studio furono cedute dalla figlia Sofia ai Conti di Correale ed oggi sono conservate presso il Museo Correale di Sorrento. Altre sono presenti nelle collezioni di Capodimonte. Tra i dipinti più importanti si ricordano l’Incendio del Teatro san Carlo a Napoli (1816), la Veduta di Ischia col castello aragonese (1824 ca), Il castello di Baia, del Museo Correale a Sorrento.

    LE OPERE
    Lanterna del molo
    LANTERNA DEL MOLO
    MUSEO NAZIONALE DI SAN MARTINO

Aggiungi un commento