Lo Polece

Inserito da: · ottobre 28, 2016

TRATTENEMIENTO QUINTO DE LA IORNATA PRIMMA

Lo Cunto de li Cunti
di
Giambattista Basile

A cura di

Gianna De Filippis – Salvatore Argenziano

Risero a schiattariello lo prencepe e la schiava de la ’gnoranzia de
Vardiello, e laudaro lo iodizio de la mamma, che seppe antevedere e
remmediare a le bestialetate soie: ed, essendo sollecetata Popa a dicere,
comme tutte l’aute mesero le chiave a lo chiacchiarare, commenzaie essa a
dicere: “Sempre le resoluzione senza iodizio portano le ruine senza remmedio;
chi se coverna da pazzo da sapio se dole, comme soccesse a lo re d’Automonte
che, pe no spreposeto a quatto sole, fece na pazzia ’n cordoana, mettenno a
pericolo senza mesura la figlia e l’onore.

icona polece2

Salvaatore Argenziano – Lo Polece – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: ----- Giambattista Basile, 00 In Rilievo

Discussione2 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    È sempre piacevole leggere queste perle della nostra antica parlata. Grazie.

  2. mari ha detto:

    e sfrontata presentosa».
    La negra Porziella, che se vedde a ste retaglie, co na facce de connannato a morte, co
    n’uocchio de spiritato, co na vocca di chi ha pigliato lo Domene Agostino, co no core di chi sta fra
    la mannara e lo cippo, pigliaie pe mano l’uerco, da lo quale, senza compagnia, fu strascinata a no
    vosco — dove l’arvole facevano palazzo a lo prato che non fosse scopierto da lo Sole, li shiumme
    se gualiavano che pe cammenare a lo scuro tozzavano pe le prete e l’anemale sarvateche senza
    pagare fida gaudevano no Beneviento e ievano secure pe drinto chelle macchie — dove non ci
    arrivava maie ommo si non aveva sperduto la strata……………….

    —————SIETE UNICIII CARISSIMI AMICI !!!!PIACERE SEMPRE .

Aggiungi un commento