Raddoppiamento Consonantico Iniziale

Inserito da: · novembre 18, 2016

Di

Salvatore Argenziano

Da Grafia e Grammatica Napoletana
icona-raddoppio

L’articolo – ’o – neutro singolare
***Si considerano di genere neutro i sostantivi indicanti cose inanimate, come i materiali
nella loro genericità. In realtà questi sostantivi sono neutri soltanto in presenza dell’articolo
neutro – ’o – duplicante7. Nella frase – na fella ’e pane – il R. C. non è presente.
’O ppane ’e rano, ’o ppepe, ’o ssale.
’O llignamme, ’o ggesso, ’o cchiummo.
’O ccafè8. ***R. Galdieri. Pecché quann’ ’o ccafè s’è abbrustulito
’O ffiérro9. ***G. Fasano. Poco luce lo ffierro, e mmanco ll’oro:
***Oppure gli infiniti verbali sostantivati.
’O ddurmì r’i ccriature.
’O mmangià, ’o cchiagnere.
***Eduardo. A mme, quanno m’avite levato ’o ddurmi’, m’ ’avite distrutta.
***Ed anche gli aggettivi sostantivati che indicano concetti astratti
’O mmeglio r’a tavulata, ’o bbrutto d’ ’a mmiria, ’o bbello d’ ’a festa.
***N. Lombardo. Che le ffìce a lo mmeglio levà memo.

08-dialetto-napoletano-raddoppiamento-consonantico-1-di-salvatore-argenziano-vesuvioweb-2016

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

Discussione7 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Ottimo lavoro. Complimenti, Salvatore.

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    …Chiarissimo! Del resto, fonicamente, il R. C. dopo l’art. è bene evidente, tant’è che nella pronuncia spontaneamente raddoppiavo la consonante, senza conoscerne la motivazione sintattica.

    • salvatore ha detto:

      Caro Giovanni, ma tu sei un esperto della grafia del napoletano. I tuoi versi sono tra i pochissimi che posso citare ad esempio nelle mie note sulla grafia del napoletano.
      Grazie di cuore.

  3. mari ha detto:

    Io mammata e ttu.
    Chiagne, fotte e ppretenne.
    Sera e mmatina îmmo ’a fà stu taluórno.
    04-b- La congiunzione copulativa – né -.
    Ancora per assimilazione consonantica dal latino “nec”. Così da -nec lèggere , nec parlà- > –
    nel lèggere, nep parlà- > -né lleggere, né pparlà-.
    Chisto nun sape né lleggere né pparlà.
    Nun ce steva né ppesce né ccarne.
    ***N. Lombardo. No nce fuieno cchiù ammice, nè ppariente
    ***G. D’Amiano. senza martellina né ppenziere.
    ***N. Bruno. senza ce fa’ né aùrïe né rrïàle……………

    ————–Bravooo..Mastu Toreee!!!!

  4. Giovanni Vitale ha detto:

    Caro Salvatore, tutto bene. Vorrei aggiungere che nella definizione del concetto di neutro del napoletano si debba fare riferimento alla categoria del “non numerabile”, cioè il neutro non può essere di numero plurale.

    • salvatore ha detto:

      Caro Giovanni, la natura neutra di una parola, singolare o plurale non è in discussione. Il tutto è soggetto alla natura neutra dell’articolo (illud) che ha la caratteristica di evidenziare il genere della parola. L’articolo plurale (illi) non ha questa capacità e non ne evidenzia il genere. U ffierro, i fierri.
      Così per la preposizione -di- incapace di evidenziare il genere neutro, anche al singolare: ‘i fierro.
      Nel testo della mia nota ho evidenziato (forse non sufficientemente) questo concetto.
      ***Si “considerano” di genere neutro i sostantivi indicanti cose inanimate, come i materiali nella loro genericità. In realtà questi sostantivi sono neutri soltanto in presenza dell’articolo neutro – ’o – duplicante . Nella frase – na fella ’e pane – il R. C. non è presente.
      Un saluto cordialissimo

Aggiungi un commento