Odissea – U Cunto – Dal libro secondo

Inserito da: · dicembre 31, 2016

Di

Salvatore Argenziano

A uerra ’i Troia è ffernuta e Ulisse ancora nu vvere a via r’a casa. A mugliera fila e sfila, ntalliannose pe nnu’ spusá uno ’i chilli pruóci ca se so’ spaparacchiati â casa soia e ss’abboffano e mmagnano e bbeveno e aspettano u mumento ’i se fottere a casa cu ttutti i bbeni r’u rré Ulisse, e ppure a mugliera. Giove manna a Mminerva addù Telemaco, u figlio ’i Ulisse, pecché stu uaglione s’ha dda rá na mossa.

icona-odissea

icona-download

salvatore-argenziano-u-cunto-odissea-vesuvioweb-2017

 

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Giove manna a Mminerva addù Telemaco, u figlio ’i Ulisse, pecché stu uaglione s’ha dda rá na mossa……………..

    veramente non so la gioia che mi trasmette questo grande della letteratura greca..maravilloso !!tutto anche la lezzione che vi scrisse il Dante.

    Ulisse fatti non foste ka per virtude é conoscenzza……..

    grazie braviiii da farne corona ………..portale sul mediterraneo farle dal blu eemarino bagnare——————

  2. mari ha detto:

    A cchistu punto, Minerva, chella
    deia uocchibbelli, accamuffata cumme
    si fosse u cumpagno Mentore, chiamma
    aspartata , fore û purtone, a Ttelemaco,
    cundicenno: “Giuvinò, i cumpagni
    tuóie, già tutti abbardati, stanno assettati
    ch’i rimmi mmáno e aspettano
    sulo ca tu nce raie nu cumánno, viéni a
    vveré”. Po s’abbia e isso appriésso, perecatapère…………..
    ————Piu legho,piu m’incanto.
    ——a maniera tale,che non so certe parole come s’iscrivono
    mi viene il pizzo a riso(perche?).
    in mente appare come se dal vivo fosse
    dietro che colora la scena…..magica…mente
    appaiono dei personaggi…
    Ed appogiato ad un tavolo.Salvatore prendendo un sorso di profumato caffe che……lascia “a pipparella nnnmocce”
    assapora ….si accarezza le baffi…edpenzieroso …
    travasi di nuovo nella GreciA…..
    Ulisse ormai scatenato dalle sirene che lo tormentavano…
    aimeee il desiderio di un po di carezza fa si che col petto gonfio di coraggio ..
    rompa líncanto ed vada in preda del cuore di Penelope …
    che travolta tra tanti sedduttori …
    .Dice:chiste nun vene maie?
    eehhh a notte fa friddeee..
    chi méscarfe e piere?…eeehhh cumpaa.
    fa ambresse che O’fattee ‘e serie…
    O tiempe passe e me ne more senzza e Teee

    ……..Chise se compreso viene /scribo quello che le dita toccano sulla tastiera ..
    come per scherzo …(non lo so)pero ridere delle proprie fantasie …fa bene ristora …come se fosse un dialogho tra il reale ed la fantasia…mmmnn come si fa a vibvere in un mondo cosi sconvolto …senzza la fantasia ,senza la matta voglia di credere in un mondo migliore……….

    .Acaressi la tastiera ed per un pooo .entri nel mondo fantastico !!per di piú se ti corre per le vene il calido sangue napoletano…fai una bella miscella di Pane Amore e Fantasia ………girato sia …vutte a campáaa.

    …….Maria

Aggiungi un commento