Foris Flubeum Territorio Plagiense

Inserito da: · gennaio 21, 2017

Di

Aniello Langella

Parte prima

… Il Territorio Plagiense comprendeva la regione attorno al Vesuvio, cominciando poco lontano dalle mura di Napoli, foris fluvium, di là dal Sebeto o flubius Rubeolus, sul quale presso alla foce era il pons paludis detto poi Licciardo o Guizzardo. Nelle terre intorno l’acqua s’impaludava e perciò era detto anche fiume delle   paludi ed in parte alcune aree geografiche di quest’antico corso d’acqua, conservano ancora oggi quel toponimo antico …

foris flubeum icona2

 Foris Flubeum Territorio Plagiense – Di Aniello Langella – Prima parte – vesuvioweb 2015

Discussione3 Comments

  1. nikos kapetanidis ha detto:

    molto buon lavoro. complimenti.

  2. Falato Silvio ha detto:

    Ottima analisi, fatta con criteri metodologici degni di ammirazione. Complimenti e grazie per quello che fai.

  3. giulio ferrara ha detto:

    Vorrei precisare che Capasso , grandissimo erudito, non era un cartografo, nè d’altronde qualsiasi cartografo avrebbe potuto fare poco di più , attesa la carenza delle indicazioni.. Comunque un errore/imprecisione anche Capasso l’ha commesso : Ha ubicato sulla carta la Massa Sollensis come se fosse un centro urbano, mentre appunto era una massa, cioè un’area adibita ad agricolture. A parte che veri centri urbani, all’epoca dei Monumenta, non c’erano, essendo solo al più piccole località di poche decine di contadini attorno ad una chiesa, la massa sollense , dai documenti antichi, pare che andasse da dopo Calastro almeno fino a Villa Inglese, luoghi cioè dove c’erano poche colate laviche l’ipotesi più probabile è che il toponimo Sola sia il plurale di solum, che in latino significa appunto suolo, terreno, addirittura con accezione di desolato.

Aggiungi un commento