11 – Legazione vocalica

Inserito da: · giugno 10, 2017

Di

Salvatore Argenziano

Mutazione vocalica nella legazione: desinenza – e –
Nella legazione che interessa la vocale -a- non c’è mutazione della stessa, come risulta dall’esempio ’a mana morta.
Una mutazione vocalica si ha per la desinenza evanescente / -e / che cambia in / -i /: belle signore > belli ssignore. Chelle parole > chelli pparola.
Perché si abbia legazione vocalica occorre che le due parole siano intimamente connesse nella frase. Nell’esempio che segue “aggio visto belli ssignore” la legazione è tra belli + ssignore. Nella frase “aggio visto a cchelli bbelle signore”, la legazione è tra chelli + belle; pertanto chelle diventa chelli e belle resta invariata. Viene pure meno l’elemento che aveva determinato il R. C. iniziale di signore che agisce ora su bbelle.

11 – Legazione vocalica – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2017

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

Aggiungi un commento