Il dopoguerra a Torre del Greco

Inserito da: · settembre 16, 2017

Il dopoguerra a Torre del Greco: l’attività amministrativa negli anni della transizione (1943 – 1946)

Di

Lina De Luca

Dal luglio 1943,con lo sbarco in Sicilia, la strategia degli Alleati prevedeva la formazione nei territori mano a mano liberati di giunte amministrative locali sottoposte ad un forte controllo degli Angloamericani, allo scopo di stabilizzare le aree occupate e garantire la continuità dei vantaggi militari conseguiti. Depurati, almeno nelle intenzioni, dagli elementi più compromessi col fascismo, a tali organi fu affidata la gestione degli affari civili. Esautorati i podestà, in loro vece si nominarono dei commissari con funzione di sindaco. Con il procedere delle operazioni militari e l’avanzamento del fronte di guerra, al controllo esercitato dal Governo Militare Alleato poteva sostituirsi la giurisdizione italiana.

Lina De Luca – Il dopoguerra a Torre del Greco – vesuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione4 Comments

  1. marisa betrò ha detto:

    Un lavoro veramente interessante, corredato da foto molto significative. Complimenti.

  2. mari ha detto:

    Gradevole alla lettura nonstante la tristezza della guerra .
    grazie

  3. giovannirusso ha detto:

    leggo e sbircio con grande curiosità il tuo scritto sul dopoguerra a Torre e mi soffermo molto sulla foto di Corso Umberto con la jeep militare che sale controsenso rispetto ad oggi : forse Via Piscopia era con direzione Napoli P.za L.Palomba. Sono del 1955 e ho pensato ai miei genitori che dal 1927 1930 da appena nati sino al 1940 avranno goduto da piccoli una Torre del Greco spettacolare per le fabbriche per le strade e per il suo territorio ancora intatto rispetto alla devastazione della forte urbanizzazione dal 1960 ad oggi. Poi la guerra dopo il 1940 con le sofferenze. Grazie per il lavoro di ricerca e la testimonianza verso la città

  4. Eduardo Cuomo ha detto:

    Carissima Lina,
    Complimenti vivissimi per questo interessante saggio. Notizie storiche e fotografie senza ombra di dubbio eccezionali. Un periodo intenso, ma triste.
    Caramente,
    Eduardo

Aggiungi un commento