Visite e ricordi Il museo del corallo dei Liverino

Inserito da: · ottobre 7, 2017

Di

Eduardo Cuomo

fatica a scrivere, non vorrei esagerare. È così, dunque, che si manifestano alcune delle mie più intime sensazioni, affievoliscono i ricordi legati alla mia infanzia. Come comprenderete, eviterò talvolta, le fattezze di un ritratto storico, dopo questa importante premessa, non mi sembrerebbe il caso. I Liverino, che da più di cento anni operano con passione e dedizione nel settore della lavorazione del corallo e del cammeo, hanno alle spalle una storia sensazionale, unita sicuramente, a grandi esperienze. Tutto iniziò in un lontano giorno del 1894, regnante per grazia di Dio e “volontà del popolo”, Umberto I di Savoia. Il giovane Basilio Liverino, “pioniere” di questo antico mestiere, chiedeva a Sua Maestà di esimersi dal servizio militare, per continuare con l’attività di lavorazione del corallo all’interno del suo piccolo e modesto laboratorio. È da dire che non lo fece con presunzione, in certa maniera voleva assicurare il necessario alla moglie e ai figli. Più tardi, poté comprare una “corallina” e diede le fondamenta ad un’industriosa famiglia, che da cinque generazioni prosegue, seppur tra le immancabili difficoltà della cultura del presente, con grande autorità, in un settore esclusivo.

Eduardo Cuomo – Il museo del corallo dei Liverino – vesuvioweb 2017.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia e cultura

Discussione4 Comments

  1. Il corpetto sopra raffigurato è testimonianza della stratificata credenza popolare Nepalese del valore anche mistico del corallo.
    Fenomeno analogo si ha presso le diverse popolazioni (tribù) Yemenite: sia nel Nord Yemen (Hodeidah) che nel Sud (Aden) in passato vi è stata una produzione di orpelli e soprattutto di orecchini in corallo, per adornare le donne, che a ben vedere ancora oggi provocano non solo forte ammirazione ma anche, per i più sensibili, una certa emozione.
    Vi ringrazio.
    Miro Sorrentino

    • Eduardo Cuomo ha detto:

      Egregio signor Sorrentino,
      La produzione in corallo, nella gioielleria etnica, è un argomento che mi piacerebbe trattare prossimamente, mettendolo a disposizione ai lettori di vesuvioweb.com. Il gioiello in corallo, per alcune popolazioni, assume un grande significato: oggetto di distinzione sociale, manufatto apotropaico, e mai semplice orpello. Anche a me, vedere tracce di corallo nella gioielleria Nepalese (ma anche indiana, mongola, ecc.), provoca quasi una sorta di commozione.
      Distinti saluti
      Eduardo Cuomo

  2. Rosa Astuto ha detto:

    Che meraviglia. Come si possono commentare capolavori simili?

    • Eduardo Cuomo ha detto:

      Gentile signora,
      Se le interessa, e quindi se volesse visitare il museo del corallo (alludendo alla collezione privata della famiglia Liverino), può farlo, tramite appuntamento. Troverà i recapiti telefonici e gli indirizzi email in rete, vedrà che la cortesia e la signorilità non mancano. Sono passati degli anni dalla mia ultima visita, adesso ne ho 17 e spero di potervi ritornare per ammirare nuovamente i capolavori della collezione.
      Con ossequi
      Eduardo Cuomo

Aggiungi un commento