Una storia d’altri tempi

Inserito da: · febbraio 10, 2018

Una storia d’altri tempi

Di

Vincenzo Pepe

L’appassionamento era stato, si può dire, una conseguenza del metodo didattico del suo principale il quale conferiva dignità d’arte alle più semplici prestazioni del suo mestiere: procedesse a un sfumatura, o a una rasatura, o a un contropelo, a al taglio delle basette, egli usava intercalare l’esecuzione con osservazioni e riflessioni di estetica elementare. La simmetria di baffi e basette, per esempio, lo portava spesso a ribadire il carattere armonico della bellezza, e a insistere, al riguardo, sul concetto che l’armonia musicale è inscindibile da quella della forma, e che buon musicista è chi assieme all’orecchio coltiva l’occhio, ed è capace di rintracciare ritmi e melodie nella successione di note, ma anche in quella di tinte e colori.

02 – Una storia d’altri tempi – Di Vincenzo Pepe – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vincenzo Pepe

Discussione1 Comment

  1. Mary ha detto:

    Grazie tutto l’insieme ne fa un poema senzza Tempo.

Aggiungi un commento