18 – La Consonante – V

Inserito da: · giugno 30, 2018

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

di

Salvatore Argenziano

La consonante V

Vaglione, guaglione, dal latino “baillionem”. ***ETN. Figlia mia fa’ orazione / e peccata nun ne fà/ si avisse nu buono vaglione / già facesse orazione. Vastaso, facchino, dal greco “bastàzein”, alzare. ***Basile. Né sai ca songo appunto / la calamita de ’no sagliemmanco / ch’ogni vastaso ed ogne poveriello / ’nce vo’ strecare l’aco o lo cortiello? ***Cortese. Ogne guattaro lassa la cucina, / Ogni vastaso lo sacco o segetta, / E bestuto che s’è de ferrannina, / E puostose na penna a la barretta.
Vacile, dal gallo-romanzo “baccinum”. Così vammace, bambagia da “bambacem”. Vadassare, nome proprio da Baldassare. Vagno, dal latino “”balneum”. Vaiassa dal francese “baiasse”. Vàllera o vàllana, castagna lessa con la buccia, dal latino “bàlanum”. Varca, dal latino “barcam”. Varrile e varrecchia, dal latino medievale “barriclum”. Vasá dal latino “basiare”.
Vasinicola, dal latino “basilicum”, greco “basilikos”. Vásulo, da “base”. Vàttere, dal latino “bàttere”. Vattiáto, battezzato, dal greco “baptizo”. Vavósa, pesce, da “bava”. Vellìculo dal latino “umbilicum”. Vocca, dal latino “buccam”. Voio dal latino “bovem”. Vréccia, dal latino “bricciam”.

18 – Consonante – V – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione2 Comments

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    A Volla la castagna lessa con la buccia= palluottolo (anche balluottolo). I termini vàllera e vallana mi sono del tutto estranei.

    • salvatore ha detto:

      Caro Giovanni, -vàllena- è classico e lo riportano D’Ascoli, Altamura, Andreoli, Iandolo e, certamente altri. La -n- di vàllena è etimologica mentre la mutazione torrese N/R, > vàllera può avere subito l’influsso fonetico di -guallara-.
      **************vàllëra: s. f. Vàllena. Palluótto. Ballotta, castagna lessata col guscio. Bàllena.
      etim. Lat. “bàlanum”, castagna.
      *BAS. levamette da ’nante scola-vallane, ca me fuste cagnato a la connola e ’n cagno de no pipatiello pacioniello bello nennillo me ’nce fu puosto no maialone pappalasagne».
      *SGR. Zoè: iarrà a consurta a no pedante,
      O a quacche stodïante,
      Pe sape’ c’ ha da di’ s’ uno dicesse
      Si so’ tutt’ uno vàllane ed allesse.

Aggiungi un commento