1 – Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Inserito da: · settembre 16, 2018

Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Di

Franco Tessitore

La Gazette, rivista settimanale francese fondata nel 1631 da Théophraste Renaudot, medico di Luigi XIII, fu uno dei primi organi di informazione a stampa (precedentemente le notizie erano diffuse à la main) e raccontava gli avvenimenti di corte, politici, diplomatici e scientifici da tutta l’Europa con un particolare taglio, come si può immaginare, realista e clericale. Naturalmente non era un giornale come quelli che conosciamo oggi, aventi una chiara distinzione tra argomenti e luoghi di accadimenti. Al contrario, la sola distinzione registrata riguardava i centri di partenza (Vienna, Napoli, Roma, Parigi…) delle notizie le quali erano esposte una dopo l’altra, senza stacchi e senza ‘a capo’ per cui, in qualche caso, questo metodo dava luogo ad ambiguità, non comprendendosi bene se due o più fatti, riportati in successione, fossero da attribuire allo stesso evento.
La Gazette fu pubblicata fino al 1914 sotto vari nomi:
• La Gazette dal 1631 al 1761;
• Gazette de France, dal 1762 al 1792 con il sottotitolo Organe officiel du Gouvernement royal;
• Gazette Nationale de France dal 1792 al 1797, quando divenne quotidiano;
• Riprese il titolo di Gazette de France durante l’Impero e con la Restaurazione divenne uno dei più importanti organi di informazione.

1 – Franco Tessitore – LE ERUZIONI DEL VESUVIO NELLA GAZETTE – vesuvioweb 2018

Discussione6 Comments

  1. MICHELE RAK ha detto:

    come posso averlo per il mio giornale?

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo molto interessante e informazioni dettagliate sulle frequenti eruzioni del Vesuvio del XVII secolo che sono state pubblicate sui giornali.

    Salute Jana

  3. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Quando si nomina il Vesuvio-formidabil monte-la mente va al Recanatese che nel Canto:La ginestra ne fa motivo di meditazione profonda sulla storia,sulla condizione umana,sulla Natura,definita qui “Madre di parto e di voler matrigna”.Chi esalta l’umanità e ne fa il fine dell’Universo deve venire alle falde del Vesuvio e constatare la nostra fragilità,insignificanza.Leopardi da un lato si schiera con la Ragione illuministica che nella storia ha segnato un salto di di presa di coscienza e di avanzamento della civiltà ,dall’altro ne prende le distanze,ne individua i limiti e si fa assertore di una rivoluzione etico-civile:gli uomini hanno sbagliato e sbagliano a farsi la guerra tra di loro.Devono confederarsi per combatterla contro la Natura.Il modello è la ginestra che non fa di se stessa il centro ed il fine dell’Universo,resiste fino a quando non arriva il fiume di lava che la sommerge,così deve fare l’uomo combattere e resistere fino alla morte.Per l’umanità non ci sono traguardi luminosi,ma di resistenza.Il tanto osannato progresso tecnico-scientifico va letto per lui in termini sempre critici.La rivoluzione per “il giovane favoloso” è anzitutto etico.-poetica.Per cui sa che il cammino verso la civiltà autentica è ancora lungo e presuppone la presa di coscienza di tutta l ‘umanità dello spazio che essa occupa nella storia dell’evoluzione.Una lezione di grande attualità,

  4. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Il razzismo,di qualche decennio fa,politico e sportivo verso i napoletani ed, in generale,verso i meridionali, si riassumeva nel motto disumano:Vesuvio ,pensaci tu! Oggi mentre si fa vivo il vulcano Stromboli il razzismo leghista è rivolto verso gli immigrati di varia provenienza geografica,particolarmente africana.Non c’è bisogno delle sollecitazioni dei nordisti a far eruttare i vulcani:la natura fa il suo corso e non sente minimamente i rumori del mondo.Basta l’elenco di tutte le eruzioni del passato per renderci più consapevoli dei nostri limiti e di vedere nell’altro non un nemico,ma un fratello.La storia storia della Natura e dell’uomo ha insegnato veramente poco..

Aggiungi un commento