La villa romana di Sora nel 1857

Inserito da: · settembre 30, 2018

E’ il 1857: Contrada Sora a Torre del Greco. Un’antica villa romana viene visitata e sottoposta a scavi. La cronaca di quell’esplorazione. Nel 1974 il Gruppo Archeologico Giuseppe Novi iniziò a studiare quell’area, posta lungo la costa vesuviana nei pressi dell’antica Torre di Bassano. Il nome della contrada e soprattutto la sua storia non era avvatto estranea a quegli storici che già dal secolo XVII avevano iniziato il proprio cammino di ricerca. Oggi la ricerca continua ancora e riaffiorano dalle pagine della storia interessantissime testimonianze. Questa che andiamo a leggere è una di quelle. Straordinaria testimoninza dell’amore per una terra che conserva ancora oggi testimonianze archeologiche importanti.

Di

Aniello Langella

Icona sora 1857a

Aniello Langella – La villa romana di Sora a Torre del Greco nel 1857 – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

Discussione5 Comments

  1. ernesto pinto ha detto:

    Carissimo, come sempre interessantissimo viaggio in uno dei siti archeologici più interessanti della città, non ci dimentichiamo però di citare le fonti fotografiche!!!!!!

  2. Silvio Falato ha detto:

    Grazie, Aniello, per il tuo fattivo contributo, che ancora una volta dimostra che la ricerca non ha mai fine. Complimenti per l’ottimo lavoro. Silvio.

  3. francesco raimondo ha detto:

    interessante come sempre. Una miniera che trova solo minatori interessati e sconosciuti. C’è tanto da fare ancora. Il sito in questione era di altissimo rilievo in quanto sede di personalità di primissimo piano della dinastia Giulio Claudia. Oltre ad essere sede di qualche alloggiamento della marina misenate, credo, Un abbraccio .

    • Vesuvioweb ha detto:

      Grazie Francesco
      Il lavoro che hai letto, e tu comprenderai, viene da ricerca, è il frutto di osservazoini e conoscenze ed il tuo commento ne valorizza i contenuti.
      Grazie ancora
      Nello

  4. giovanni russo ha detto:

    di questi luoghi ho ricordi nitidi quando da bambino fra i miei nove e 13 anni, era tra il 1964 e il 1968, di pomeriggio estate e inverno con la luce del sole passavo in questi luoghi perchè dovevo vendere graffe o maritozzi (briosce) prodotte da mio padre “Cristoforo u panettiere” passavo da Largo Bandito mi inoltravo per San G:ppe alle Paludi e dopo il muro del cimitero apparivano queste “case” abitate da un colono proprio ora sullo spiazzo di fronte alle due colonne di marmo che portavano al 2°Lido Cavaliere dove adesso sono rimasti all’erta “spezzoni” di mura romane classiche.Mi accoglievano in questa loro “casa” il colono era anziano conosco le figlie viventi ultrasessantenni perchè allora già grandicelle.
    Poi continuavo il percorso salendo la stradina di campagna dove a Sinistra ci sono i ruderi degli ambienti emersi e mi inoltravo nel caseggiato Montella attualmente abbandonato allora abitato da circa 5 o 6 famiglie mie clienti.Continuavo il percorso e rispuntavo sulla strada di Via Cimitero uscendo da un portale.Questa la mia testimonianza “vissuta” con l’ingenuità del bambino pratico giocoforza di quei luoghi di cui porterò due sentimenti: il primo di paura perchè a volte di inverno all’imbrunire costeggiare il retro del Cimitero non era tanto simpatico l’altro invece che pervade sempre il mio animo è di bellezza e di leggerezza perchè ogni volta che rivedo questi luoghi mi trasporto in un altra dimensione non a caso i patrizi/imperatori romani hanno posto al centro del Golfo questa Villa Giulia che arrivava fin giù alle terme zona laghetto…Dr Langella la nostra Torre del Greco ha bisogno dei suoi figli migliori e in questa sua ulteriore ricerca ha posto un altro tassello sulla storia vera di essa che era compresa tra l’antico villaggio Calastrum e l’antica Sola con in mezzo sparsi piccoli agglomerati agricoli.I Romani ben sapevano della pericolosità del Vesuvio. La seguo e condivido pienamente tutte le sue verità storico/archeologiche dell’antica Torre del Greco.Con stima giovanni russo

Aggiungi un commento