I giochi di una volta – “Une ‘mpònt’a lùna” = “Uno in punta alla luna”.

Inserito da: · novembre 4, 2018

“Une ‘mpònt’a lùna” = “Uno in punta alla luna

Di

Silvio Falato

Vi potevano partecipare da due a un numero indeterminato di ragazzi, non c’era bisogno di grandissimi spazi (era sufficiente anche un tratto di vicolo) e si svolgeva nel modo seguente: Il designato dalla conta (“il ragazzo che va sotto”, così era denominato) si piazzava, stabilmente fermo, al centro di uno spazio predeterminato, piegando in avanti ad arco testa e parte superiore del corpo. La sua particolare posizione richiama alla mente la forma del primo “quarto di luna” e da ciò ha preso il nome il gioco. La parte restante dei giocatori si allineava a una distanza di sette o otto metri e a turno, ognuno, dopo una breve rincorsa, saltava, a mo’ di cavallina, sul compagno che stava sotto, stando molto attento ad obbedire alle regole seguenti:

  1. a)  Saltare il più alto possibile, poggiando le mani sulla schiena del compagno e cercando di superare l’ostacolo senza toccarlo minimamente con le altre parti del corpo;
  2. b) Recitare, prima del salto, ad alta voce e senza sbagliare, la formula di rito che adesso illustreremo;
  3. c) Assumere nel migliore dei modi possibile, nel corso del salto e dopo, la posizione dettata dalla formula stessa.

Chi veniva meno ad una di queste prove “andava sotto”, sostituendo quindi il compagno designato dalla sorte.

Silvio Falato – I giochi di una volta – Uno in punta alla luna – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

Aggiungi un commento