Lo sciopero dei marittimi del 1959 e i prodromi del 1951 a Torre del Greco

Inserito da: · novembre 18, 2018

Lo sciopero dei marittimi del 1959 e i prodromi del 1951 a Torre del Greco

Di

Lina De Luca

Nel corso della sua interpellanza parlamentare, il Comandante Giulietti illustrò i problemi dei marittimi, torresi e italiani, con garibaldina irruenza e giovanile impeto come ebbe a dire il Sottosegretario di Stato all’Interno, che nella sua ricostruzione ricondusse gli scontri avvenuti a Torre del Greco il 16 aprile ad una questione di ordine pubblico. Il rappresentante del governo ammise che già verso la fine di marzo e gli inizi di aprile numerosi cortei di marittimi avevano rappresentato il malcontento diffuso tra i naviganti di Torre del Greco e, sebbene non autorizzati, erano stati comunque consentiti dalle forze di polizia. Ma per considerazioni di ordine pubblico i promotori delle manifestazioni erano stati diffidati dall’organizzarne altre senza la prevista autorizzazione. Nella gestione della protesta si era evidenziato l’attrito tra le sigle sindacali della F.I.L.M. e della FE.GE.MARE, la prima nell’orbita della C.G.I.L. e la seconda facente capo alla C.I.S.L. in aperta competizione sul territorio.

Lina De Luca – Lo sciopero dei marittimi del 1959 e i prodromi del 1951 a Torre del Greco – vesuvioweb 2018

 

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    Lina cordialmente ti saluto ed faccio i miei complimenti!!!!!!
    ………….sentimentale ricordo di un tempo che fú ed ci porti alla luce ,

    ………………..grazieMaria

  2. salvatore pertini ha detto:

    Gentile Lina De Luca,complimenti per il suo lavoro e per le notizie circa i prodromi che lo rendono esaustivo,ma,mi consenta di aggiungere dei particolari che lei non sa e che io ho vissuto in prima persona,per cui il mio nome,per motivi di privacy,in effetti e’ uno pseudonimo.Ecco alcuni particolari : a seguito dei rinforzi del reparto Celere,ci furono lanci di bombe a mano leggere dai tetti del palazzo di via Comizi che costeggia la piazza. Dette bombe lasciarono buchi sul selciato della piazza e molti,tra cui due miei amici,ne portano ancora le schegge sotto pelle. I feriti furono trasportati a braccia fino all’ospedale in villa comunale e registrati al pronto soccorso,ma questi due amici NON FURONO CHIAMATI IN CAUSA IL MESE DI GIUGNO DEL 1960,forse per nascondere il lancio di bombe ? Il 28 /11/1959 ci fu una retata e furono arrestate una cinquantina di persone,tra cui, GILDARELLA,che vendeva granite a via del cimitero,la “pizzaiola” nota prostituta di vico Cirillo,un pescatore di frodo SENZA MANI,un tipo strano,noto voyeur di coppiette.Tutte queste persone erano state viste fotografate sui giornali il giorno successivo,quando si aggiravano curiosando in piazza.Inoltre furono arrestati i sindacalisti Antonio Spierto,Salvatore Brancaccio,Spagnuolo Oberdan e Andrea Cozzolino,oltre ad altre persone,tra cui due studenti,il sottoscritto ed un altro ragazzo ,entrambi minorenni.Questa retata fu organizzata dal maresciallo di p.s. Busco che,promettendogli un posto di lavoro,convinse un storpio mendicante che stazionava nel vicoletto accanto alla chiesa,dove c’era un vespasiano,ad accusare alcune persone.Il processo fu fatto in corte d’ appello,a San Domenico maggiore,a causa del grande numero di imputati e si risolse con la condanna di alcuni che avevano picchiato i VV FF intervenuti e furono da essi riconosciuti,ma la maggioranza,quelli accusati dal mendicante furono assolti perche’ egli confesso’ il tentativo della polizia di accusare un po’ di persone in cambio di lavoro. Come accennato sopra,i miei due amici colpiti dalle schegge delle bombe NON COMPARVERO AL PROCESSO….vi domandate perche’?.Dulcis in fundo il 23/12 del 59 furono rilasciati in liberta’ provvissoria i due ragazzi,tra cui io,che all’epoca dei fatti erano minorenni .P.S. Al rientro a scuola,al nautico di Piano di Sorrento,il preside mi chiese la giustifica che mi procurai all’Ufficio Matricola del carcere

  3. lina de luca ha detto:

    Gentile Salvatore Pertini, nessun disturbo per il suo commento, anzi La ringrazio per l’attenzione. Accolgo con interesse le informazioni da Lei fornite che confermano ulteriormente il clima incandescente che si respirò in quella occasione nella nostra città.

Aggiungi un commento