Il gioco delle figurine

Inserito da: · dicembre 1, 2018

I giochi di una volta

Il gioco delle figurine

Di

Silvio Falato

Quando poi si aveva molto tempo a disposizione, si trascorrevano intere ore a “Rakkuntà rǝ kùntǝ”: Accovacciati in circolo su qualche vecchio cappotto, messo a disposizione dalla vecchietta del vicinato dal cuore tenero, si narravano favole o racconti di avventura, di solito a turno, ma dando sempre la precedenza al compagno che nella comitiva era più preparato degli altri e soprattutto più forbito nel linguaggio. Ed è in questo contesto che fin da ragazzo ho appreso i tanti racconti di janare e di lupi mannari, di cui abbiamo parlato in incontri precedenti. E’ in questo contesto, soprattutto giocando, che cercavamo di maturare le nostre abilità sia nel campo cognitivo che in quello della formazione e dello sviluppo della personalità. E a distanza di 70 anni posso affermare, senza ombra di dubbio, che un tempo la strada svolgeva un ruolo significativo nel campo della formazione e della maturazione dell’individuo.

Silvio Falato – I giochi di una volta – Il gioco delle figurine – vesuvioweb 2018.pub

 

___________________________________________________________________________

L’icona in bianconero è stata tratta da questo link

Home

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi, Storia

Discussione1 Comment

  1. marisa ha detto:

    A fiurèlle ho giocato anch’io, con mio fratello e devo dire che ero piuttosto brava. Forse per questo ho sempre chiuso un occhio, e anche due, ai tragitti… sottobanco dei grossi mazzi sgualciti e bisunti di “giocatori” in possesso dei più abili ( e friccicarielli) tra i miei alunni.

Aggiungi un commento