Le donne della Repubblica Napoletana del 1799

Inserito da: · dicembre 1, 2018

Le donne della Repubblica Napoletana del 1799

Di

Umberto Vitiello

Arrestate, Giulia e Maria Antonia furono condannate alla confisca di 167 ducati e a sette anni di esilio. Per cui dovettero imbarcarsi e trasferirsi a Marsiglia. Da dove poi Giulia raggiunse suo marito, il duca Luigi Serra di Cassano, a Pistoia, dove in un albergo apprese da un giornale che il figlio Gennaro era stato decapitato il 20 agosto 1799 in Piazza del Mercato. Con lui era stato decapitato anche Giulio Colonna, principe di Aliano, di 31 anni, mentre erano stati impiccati il sacerdote Don Nicola Pacifico di 72 anni, Monsignore Michele Natale, vescovo di Vico Equense, di 48 anni, Giuseppe Lupo, avvocato salernitano, Antonio e Domenico Piatti, padre e figlio, banchieri, ed Eleonora de Fonseca Pimentel, di 47 anni, letterata. A Napoli Giulia Carafa tornò nel 1804, per chiudersi a lutto e con gravi disturbi mentali nel Palazzo di via Monte di Dio, dove morì nel 1841, a 86 anni. Sua sorella Maria Antonia non rientrò mai a Napoli, e morì suicida a Firenze nel 1823, quando aveva 60 anni.

Umberto Vitiello – Le donne della Repubblica Napoletana del 1799 – vesuvioweb 2018

 

Aggiungi un commento