I materiali locali nella tradizione costruttiva dell’Italia meridionale

Inserito da: · dicembre 1, 2018

I materiali locali nella tradizione costruttiva dell’Italia meridionale

Di

De Simone Crescenzo

Vitruvio, nel suo trattato “De Architectura”, definisce “Opus Caementicium” la miscela di calce, pozzolana, cocciopesto e “caementa”, cioè pietra grezza e frammenti di pietra quali travertino o altri materiali piroclastici, che interrompono le micro-fessurazioni che si creano a seguito del naturale ritiro della malta (nel processo di asciugatura e consolidamento), impedendo così che diventino continue compromettendo la solidità del materiale. L’Opus Caementicium ebbe origine probabilmente a Pompei23, poiché i territori vesuviani ed i Campi Flegrei fornivano materiali vulcanici dalle caratteristiche ottimali per l’impasto cementizio, e veniva usato per la realizzazione di fondazioni, murature, volte e cupole. Ma la scoperta più importante fu quella della “pozzolana”, estratta principalmente nei Campi Flegrei in Campania, che segnò una rivoluzione nella realizzazione di opere murarie. La pozzolana, infatti, finemente macinata ed aggiunta alla calce, produce un comportamento idraulico con il quale la calce riesce a fare presa e indurimento anche a contatto con l’acqua. Responsabili delle due reazioni sono la presenza di silicati di alluminio all’interno della pozzolana che, attraverso una serie di reazioni con la calce e l’acqua di impasto (reazione pozzolanica), producono silicati e alluminati idrati di calcio; gli alluminati sono responsabili del processo di presa, mentre i silicati del processo di indurimento determinando lo sviluppo della resistenza meccanica. Questo comportamento, detto anche pozzolanico, consente di ottenere leganti con resistenza meccanica maggiore e con tempi di indurimento inferiori, formando composti idraulici simili a quelli che si generano durante l’idratazione del clinker.

1 – Presentazione – De Simone Crescenzo – I materiali nella tradizione costruttiva dell’Italia Meridionale – vesuvioweb 2018

2 – Tesi – De Simone Crescenzo – I materiali nella tradizione costruttiva dell’Italia Meridionale – vesuvioweb 2018

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo molto interessante. Sono sempre stato sorpreso dal fatto che gli edifici costieri (come il Palazzo Donn’Anna a Napoli) hanno basi così forti e non sono soggetti ad erosione, e qui trovo una spiegazione ….

    Ho anche guardato le fotografie con grande interesse.

    Salute Jana

Aggiungi un commento