Una conferenza americana su Pompeii (1855)

Inserito da: · maggio 23, 2019

Vincenzo Pepe

Una conferenza americana su Pompeii (1855)

Il principale motivo dell’interesse di questo scritto è rappresentato dal fatto che, nonostante il titolo lasci presupporre una trattazione equamente ripartita tra Napoli e Pompei, è quest’ultima a reclamare l’attenzione quasi esclusiva del conferenziere. Delle 36 pagine del testo, difatti, a Napoli ne sono dedicate solo sei. Segno, questo, che il fascino esercitato dalla città sepolta, sull’autore e, forse, più in generale sull’immaginario collettivo americano già nella seconda metà dell’Ottocento, era più forte perfino di quello esercitato dalla città partenopea. Di quest’ultima l’americano si sofferma a registrare gli elementi oleografici riportati in genere da una caterva di libri e diari di viaggio, e cioè la confusione, il ritmo frenetico della vita, il gusto barocco che impera nelle chiese e nei monumenti, lo stragrande numero di veicoli, e l’esagerata presenza di monaci e preti questuanti: quanto basta per spingerlo a scappare via “verso le numerose località incantevoli che si trovano nelle sue immediate vicinanze, prima fra tutte Pompei.” Si ha l’impressione, quasi, che la tappa a Napoli il viaggiatore americano l’abbia fatta per una sorta di obbligo rituale, di cui si libera, però, al più presto, per soddisfare un più pressante e genuino desiderio di essere ammesso allo spettacolo prodigioso della “antichità catturata viva”.

 

Vincenzo Pepe – Una conferenza americana su Pompeii (1855) – vesuvioweb 2019.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

Aggiungi un commento