Il Vesuvio letto e studiato da Pompeo Sarnelli

Inserito da: · gennaio 28, 2020

Il Vesuvio letto e studiato da Pompeo Sarnelli

Di

Aniello Langella

Introduzione. Fu la storia, la sua rilettura in un momento di trasformazione culturale del Sud dell’Italia di quel lontano secolo XVII, che influenzò gran parte della vita del Vescovo di Bisceglie Pompeo Sarnelli. Pompeo Sarnelli (Polignano a Mare, 16 gennaio 1649 – Bisceglie, 7 luglio 1724). Nella Guida al Forestiero e nella Nuova Guida, il Sarnelli indossa i panni del cicerone, di colui che in maniera dotta, vuole trasmettere i concetti veri che animano la ragione storica ed un idealismo culturale nuovo nello spirito. Napoli non è la sua terra natia, ma i rapporti con la Campania e con la città dai mille volti, lo renderanno presto, artefice massimo dell’elaborato scenario della storiografia napoletana. Una gemma tra le tante in quel periodo di rinnovamento culturale “illuminato” e dotto. I suoi dialoghi sono straordinariamente attuali, le sue considerazioni travalicano l’immaginazione storica e così ci si trova coinvolti quasi direttamente nel racconto che diventa narrazione e documento scientifico allo stesso tempo. In questo lavoro, la Storia del Vesuvio, vista con assoluto rigore. Uno spaccato della storia di questo vulcano all’alba di una delle più devastanti eruzioni, il 1631.

Il Vesuvio in una stampa dal testo del Sarnelli. Siamo in presenza del “vulcano settecentesco”, la cui vetta è più bassa del Somma. Vetta divelta erosa ed appianata dalla catastrofica eruzione del 1631

Aniello Langella – Il Vesuvio visto da Pompeo Sarnelli – vesuvioweb 2019.pub

 

 

Discussione1 Comment

  1. giovannirusso ha detto:

    La curiosità e la precisione delle ricerche del Dr.Langella pongono ai vesuviani attenti e amanti della loro storia patria – Torre del Greco la piu bella città posta al centro del Golfo – a considerare la importanza dei fatti geologici che nei secoli hanno determinato la costruzione orografica del territorio.Come dire il Vesuvio è il vero costruttore di Torre del Greco e di tutta “la plaga vesuviana” e in quanti sappiamo ciò?Sarebbe bello intervistare le nuove generazioni,la popolazione e i responsabili del caos urbanistico incominciato dal 1960 se non prima.IL Vesuvio mamma di questa grande bellezza e allo stesso momento padrone di cambiarla:”come è considerato e temuto da noi poveri calpestanti questa magica terra?”. Se solo a tutti i vesuviani sapessero veramente cosa sta scritto nell’editto (EPITAFFIO DI PORTICI) una vera e propria ordinanza del rispetto e del temere il nostro vero naturale padrone lo avrebbero e lo avremmo e lo dobbiamo rispettare per sempre.Chi lo ha fatto chi ho la? Solo sfregi a tanta potente natura. Fra i tanti libri scritti sulla storia delle eruzioni ricadenti su Torre del Greco, mi sembra su Itinerari Torresi di Raffaele Raimondo in un passaggio scrive che la città si estendeva fino alla creazione della bretella viaria Circumvallazione in un suo disegno pianificato dai secoli dal limite della statale 18 da C.,so Vitt.Emanuele passando per il centro e finendo con la Nazionale quasi come limite a rispetto del Vesuvio.Fino ad allora i torresi erano consapevoli della forza del vulcano e si tenevano ben distanti da esso. Sappiamo bene come costruivano strade e palazzi i Borboni da Napoli alle Calabrie eppure noi (compresi i nostri avi) noncuranti del passato continuiamo da quasi cento anni (nonni,padri,figli e nipoti) le nostre esistenze e non abbiamo, fino ad oggi 2020, capito realmente e veramente su che terra viviamo. Grazie Dr.Langella per il contributo rivolto a tutti noi ” vesuviani” ….

Aggiungi un commento