Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

Inserito da: · febbraio 29, 2020

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

La lettera G

Da gaggia a guzzo

Di

Salvatore Argenziano

Galiòto: agg. Galeoto. Calioto. Degno di galera. Galeotto. Si dice di ragazzo scavezzacollo. etim. Lat. med. “galiotus”. *Basile. “Si è chesso”, dessero le fate, “e nui facimmola da corzaro a corzaro e da marinaro a galioto e si t’ha mozzecato sto cane, vedimmo d’averene lo pilo; *Basile. Brutta schiava mossuta! / Pasto da galeote e marinare! / Rechiammo de vastase e portarobbe! / Strega, ianara, vommeca–vracciolle! *Scarpetta. E bravo e bravo… vogliatelo bene che chillo è nu bravo giovinotto. (E lo primmo galiota, l’aggia rompere li gamme nu juorno de chisto!) *Scarpetta. Ah, e me lo ddice nfaccia, galiota birbante?… *R. Bracale. N’ anema ca sia / nun passa pe ’sta strata. E ’a galiota / nun sente ’stu pparlà ch’ è amaro e ddoce / nun sente ’o mare, nun sente ’sta voce…
gallètta: s. f. Galletta. Jalletta. Pane senza sale, di forma piatta e rotonda, biscottato, di lunga conservazione, usato specialmente a bordo di navi e curalline. etim. Dal fr. “galette”, derivato da “galet”, ciottolo. Infatti la galletta è una vera pietra se non è stata spugnata. ’A galletta ’i Castiellammare: è stata trentaseie anni pe mare e nun s’è spugnata ancora. *Scarpetta. Palatelle, bacchettelle, gallettelle, zucchero e butiro, tengo lo biscotto co l’ammennole, tengo la fresella co lo pepe, comme se sfruculeje la fresellina. Bella cosa.

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – G – Da gaggia a guzzo

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Preciso e convincente come sempre. Complimenti.

  2. maria ha detto:

    P. Sarnelli. Accossì sta povera penta palomma ’ncappaje a la rezza de sto male
    juorno ed a le biscate de sto guzzo forfante, che da buono cuoco isso se
    ’ngorféva le bone morzella, e la mogliere la pasceva de fummo. …………….
    ………Tanta riccezza vi si trova in codesto piccolo brano ……
    da riempere dei fogli ingialliti dal tempo prezzioso di una vita grammaticale napoletana che..ahiii¡¡¡¡me non vi si trova mai piu”” te voglio bene Tore sei il massiimo dei maasimi non ancor nati……….

    .Pozzo di amore di odore di casa nostra paisaaa
    ..vulimmee bene fratooneeee
    —-Maria che sorvola ogni instante per le terre addorantii di mari ed fuocco vesuviano

Aggiungi un commento