Na mmescafrancesca

Inserito da: · febbraio 7, 2020

Dialetto Torrese

Na mmescafrancesca

Da A cugnacca a Scitto a mme

Di

Salvatore Argenziano

Oggi voglio andare in campagna, ncoppaddannuie, a comprare una damigiana di vino, da Tatonno u parzunaro. Vengono pure i ragazzi, contenti perché andiamo con la carrozzella. Andiamo a prenderla di fronte alla chiesa della Madonna delle Grazie, faccefrónte â puteca r’a muiana. Là sta a pusteggia di Ciccillo ’i massa, u marito r’a muiana. Michele è il più grande dei miei ragazzi e gli consento di sedere in cassetta, col cocchiere. Il piccolo s’ammussa ma poi se capacita. Arriviamo ncoppumonte, dove Tatonno tiene a terra. Ci accolgono con gioia, lui la moglie e cinque figli. Ciccillo ’i massa riparte per Torre; ci verrà a prendere prima di mezzogiorno. I miei ragazzi vanno a cogliere la frutta con quelli di Tatonno, tutti loro scalzi che, come scimmie, salgono e scendono dagli alberi. Tatonno mi fa vedere la vigna e mi racconta la bontà delle viti. Facciamo colazione con vascuotti bagnati e ppummarulelle, sotto la grande pergola dietro casa, – robba ’i mmano a ttatillo -, dice Tatonno, – chella ca nunn ha patuto a fillossa – la malattia del secolo scorso. la fillossera. – Tatò, e lo fate voi il vino?- chiedo. – Certamente. U scufacciammo nuie rinto a cchella  mezavotte – I miei ragazzi guardano impietriti quei piedi scalzi, leopardati di nera calimma attrassata e nzerchie fute ripiene di perimma e pensano che non berrano mai quel vino.

Salvatore Argenziano – Na mmescafrancesca – vesuvioweb 2020

 

 

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Questa è poesia pura. Ti trascina in un mondo lontano pieno di fascino. Complimenti.

  2. maria ha detto:

    …………..Grazie molto cautivante piena di fascino govanile ed puro.
    cordiale saluto

  3. maria ha detto:

    13- Vaco sburdianno paisi paisi
    ascianno e ccercanno parole strèuze,
    cumme a rriliquie prezziose
    nt’a scaravattuli astipate ’a r’i prufessuri
    opure ’a tanti patuti r’a iennimma lloro,
    cunti e ppuisie nt’â lenga r’u paese,
    carusiélli chini ’i parole antiche
    e spruloqui stampati ncoppa a sti llenghe
    e ppeccomme e ppecché se rice accussì.
    Ma pecché û paese mio
    cu ttanti dutturi, priéviti e ppueti
    nu ttrovo na cartuscella ncoppa â lenga turrese?
    ……………parole antiche piu dolci che il miele,,,,,,,,,,,,,,
    non potrei aggiungere nulla ¡¡¡¡¡
    ………..tanto soave casta e pura ,gli versitti che si leggono che,non vorrei infettare il senzo del tes to

    …………Capo laboro grazie infinite ed gloria per la grammatica versi puri ed dolci come i tempi in cui ebbero natalizio,

Rispondi a Silvio Falato

Cancella risposta