Il Vesuvio nelle opere di De Nittis

Inserito da: · febbraio 29, 2020

Il Vesuvio nelle opere di Giuseppe Gaetano De Nittis

Di

Aniello Langella

Le opere che ho scelto, in questa rassegna, riguardano la mia terra natia. Li ho scelti tra le tantissime opere esposte al Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Conoscevo De Nittis e le sue opere tutte originalmente aderenti alla sua quasi ossessiva ricerca del vero ottenuto attraverso il  colpo d’occhio, la prospettiva ed il punto di osservazione. Verista ed impressionista assieme, attento a cogliere gli aspetti della vita comune dalla quale può derivare l’immagine del bello e del sorprendente. Emozionano i suoi paesaggi, come emozionano le figure che li animano, in una sorta di film policromo che invoglia a vedere oltre l’opera il senso delle piccole cose e delle cose grandi, come lo stato d’animo degli attori e degli oggetti apparentemente inanimati. Si,… è l’emozione che sorprende in De Nittis. Non la cerchi, non la imposti nel medesimo atto del vedere e del guardare, ma ti sorprende e ti coinvolge tra i mille dettagli dell’opera che entra negli occhi e passando per mente, come direbbe qualcuno per lo stato di coscienza, diventa materia stessa dell’essere, del tuo essere. Non siamo abituati, nella maggior parte dei nostri giorni della nostra vita, a stupirci per la bellezza che a tratti ci appare lontanissima. “L’abitudine ci nasconde il vero aspetto delle cose”, come ebbe a dire Montaigne. Non a caso ho ricercato “lo sguardo” di De Nittis.

Aniello Langella – Giuseppe De Nittis descrive il Vesuvio – vesuvioweb 2020.pub

 

 

De Nìttis Gaetano Giuseppe
De Nìttis, Giuseppe. – Pittore italiano (Barletta 1846 – Saint-Germain-en-Laye 1884). Espulso nel 1863 dall’Accademia di Napoli, dove studiava con G. Smargiassi, si diede a dipingere dal vero a Portici. Attraverso A. Cecioni conobbe le idee e le opere dei macchiaioli. Fu a Firenze (1867) e nel 1872 si stabilì a Parigi. Si accostò allora alla pittura degli impressionisti, ma con un marcato accento di eleganza mondana; dipinse scene di vita parigina: la passeggiata al Bois de Boulogne, i campi di corse, ecc. A Parigi come a Londra (di questa città lasciò vedute di finissima intonazione coloristica) ebbe grande successo. Le sue qualità pittoriche emergono soprattutto nelle opere in cui è meno forte il carattere mondano: vie, piazze, lungofiumi di Parigi e Londra. Postumo fu pubblicato un volume di Notes et souvenirs du peintre Joseph de Nittis, 1895 (trad. it. Taccuino 1870-1884, 1964).

Fonte

http://www.treccani.it/enciclopedia/giuseppe-de-nittis/

 

Discussione7 Comments

  1. nikos kapetanidis ha detto:

    impressionismo inspirato da vesuvio e non da campi primaveriali ‘e uno thematico interessante. E come vedo,successivo. bravo Nello

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per aver incontrato un altro pittore che ha dipinto bellissime immagini del Vesuvio. Grazie.

    Ho trovato collegamenti ad altre immagini di Giuseppe Gaetano De Nittis:

    https://www.bitculturali.it/online/wp-content/uploads/2019/07/De-Nittis.jpg

    https://i.pinimg.com/564x/44/da/94/44da94df83558fb727b85794b62a59da.jpg

    Salute
    Jana

  3. maria ha detto:

    Giuseppe Gaetano De Nittis (Barletta, 25 de Febrero 1846 – Saint-Germain-en-Laye, 21 de Agosto 1884) fue un pintor italiano cercano al movimiento artístico del realismo y el impresionismo.

    Giuseppe Gaetano De Nittis nació en Barletta en 1846, hijo de don Raffaele De Nittis cuarto hijo y la mujer Teresa Emanuela Barracchia. Antes de su nacimiento, su padre fue detenido por razones políticas, y acaba de salir de la cárcel dos años más tarde, él se quitó la vida. Huérfano desde niño, se crió con sus abuelos paternos, y después de su aprendizaje con el pintor Giovanni Battista Calò Barletta, se inscribió en 1861 – en contra de los deseos de la familia – la Academia de Bellas Artes de Nápoles bajo la guía de Mancinelli y Gabriele Smargiassi……………….

    ………..Nello un po di Spagnolo per chi volesse leggere…

  4. maria ha detto:

    Giuseppe Gaetano De Nittis (Barletta, 25 de Febrero 1846 – Saint-Germain-en-Laye, 21 de Agosto 1884) fue un pintor italiano cercano al movimiento artístico del realismo y el impresionismo.

    Giuseppe Gaetano De Nittis nació en Barletta en 1846, hijo de don Raffaele De Nittis cuarto hijo y la mujer Teresa Emanuela Barracchia. Antes de su nacimiento, su padre fue detenido por razones políticas, y acaba de salir de la cárcel dos años más tarde, él se quitó la vida. Huérfano desde niño, se crió con sus abuelos paternos, y después de su aprendizaje con el pintor Giovanni Battista Calò ……….Barletta, se inscribió en 1861 – en contra de los deseos de la familia – la Academia de Bellas Artes de Nápoles bajo la guía de Mancinelli y Gabriele Smargiassi……………….

    ………..Nello un po di Spagnolo per chi volesse leggere…

    …….Eccelente Nello grazie …

  5. maria ha detto:

    .Jana cordiale saluto non ci sentivammoooo da treeempoo una carezza al cuore ti viole bene
    Maria

  6. lina de luca ha detto:

    Perché non mi emozionano allo stesso modo opere d’arte “moderna” che il più delle volte mi lasciano indifferente? Però non me ne faccio un cruccio.

  7. Domenico Mattia Testa ha detto:

    I quadri sul Vesuvio esprimono un senso di desolazione:paesaggio,colori e prospettive rispecchiano una psicologia inquieta:trionfa qui pervasivamente la natura,la presenza umana è del tutto assente:De Nittis si sente schiacciato dalla potenza del vulcano.Forse il pittore,morto prematuramente,teneva impressa nella mente la “Ginestra” ed in particolare i versi iniziali :qui su l’arida schiena del formidabil monte,sterminator Vesevo….I quadri vesuviani,chiaramente di stampo verista,denotano un’abilità descrittiva che sembrano tante fotografie anzi tempo…Il paesaggio arido,invadente,assolutizzante del vulcano per chi sa entrare nella soggettività e nel contesto storico-culturale di De Nittis dice molto sulla personalità tormentata dell’artista che sempre insoddisfatto andava di città in città….

Aggiungi un commento