Anello Arcamone Borelli

Inserito da: · maggio 11, 2020

Anello Arcamone Borelli

Di

Aniello Langella

Spesso lasciavo lo scavo ipogeo dove la Napoli greca e romana mostrava senza indugi a tutti i visitatori, la città in ascensore e restavo per lungo tempo ad ammirare le straordinarie ricchezze della grandiosa navata centrale. La storia della città intera poteva essere riascoltata e riscoperta qui, a partire dal XIII secolo. Ovunque le testimonianze delle varie epoche. Dal monumento funebre a Caterina d’Asburgo, al Cappellone di Sant’Antonio, dai dipinti di Mattia Preti si magnifici marmi di Giovanni da Nola. Ma in particolare mi incuriosivano i monumenti funebri, quelli che mi riportavano alle persone, vissute in altre epoche ed in qualche modo avevano contribuito a fare la storia di Napoli. Osservare questi monumenti, in fondo vere opere d’arte, era come percorrere i vialetti di un cimitero, dove le storie minori, tutte assieme ricostruiscono nel tempo la grande storia unica. Osservare i dettagli artistici di questi monumenti mi rapportava all’artista, ma anche allo scalpellino, a quelle maestranze minori che avevano realizzato l’opera stessa e che per un destino sciocco avevano perso memoria.

Aniello Langella – Anello Arcamone Borelli – vesuvioweb 2020.pub

 

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Potenza del monumento funebre, che vince la morte. Grazie e complimenti.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Grazie caro Silvio

      • Domenico Mattia Testa ha detto:

        Interessante la vicenda del giureconsulto Anello Arcamone Borelli,personaggio di rilievo,vissuto alla corte di Ferdinando 1° D’Aragona che,al di là del giudizio storico,rimane un grande politico ed un grande mecenate.Senza scendere molto per li rami,come Federico 2° di Svevia,ha saputo frenare le spinte autonomistiche ed egoistiche,culminate nella congiura dei Baroni.Lo scultore ci fa vedere il giureconsulto Arcamone Borelli in atteggiamento meditativo e lo sguardo teso verso l’alto,quasi ad implorare salvezza….L’artista sa immedesimarsi nell’animus del personaggio,sospeso tra terra e cielo.Il monumento funebre è maestoso ed austero.L’arte,come sempre,cerca di sfidare il tempo che,però,come sottolinea il Foscolo,traveste,trasforma e distrugge ogni cosa.Proprio per contrastare l’oblio assoluto di tanti illustri uomini è importante il contributo del Langella e di altri curiosi ricercatori che con dligenza e studio,s’impegnano a farceli conoscere.Senza la memoria del passato i popoli faticano a conoscere il propio presente ed a progettare il futuro.Ciò è ancora più vero mentre imperversa il coronavirus che ci ha reso più frafili,insicuri…..

Aggiungi un commento